Napoli, molestie su donne e bambini. Taurino: “Arti marziali supporto psicologico”

"Da vittima a guerriero che afferma il proprio essere ed i propri talenti. Le arti marziali possono portare al raggiungimento di tale equilibrio interiore"

0
608

“Tutte le arti comprese quelle marziali possono fungere da valido supporto nelle terapie psicologiche . Nella mia carriera ho avuto l’opportunità di insegnare a bambini e donne che avevano subito violenza sessuale o familiare ” : questo il messaggio lanciato dalla dott. Elvira Taurino, Direttore Tecnico del Taekwondo Team Taurino con oltre 20 anni di attività agonistica. Quinto Dan nel Taekwondo Elvira Taurino ha svolto corsi di perfezionamento in diverse parti del mondo cimentandosi in varie arti marziali.




“ Nelle persone che hanno subito violenza – ha precisato Taurino-soprattutto di natura sessuale la sfera emotiva, estremamente provata, trova una strada dove immettere dapprima tutta la paura, poi la rabbia , alcune volte il senso di vendetta e poi , con tempi e resistenze diverse, quasi sempre, alla fine , questi soggetti riescono a canalizzare il tutto. Con una consapevolezza che li induce a sentirsi più forti, proprio perché passati attraverso il dolore della violenza. Quindi da vittima a guerriero che afferma il proprio essere ed i propri talenti. Le arti marziali possono portare , se adeguatamente praticate , al raggiungimento di tale equilibrio interiore.

Anche nel trattamento della depressione i risultati di chi pratica le arti marziali possono essere sorprendenti : l’importante però è intervenire in tempo e non consentire a questa vera e propria patologia di devastare la persona. I soggetti adulti in depressione conclamata , da noi in Italia, non sono seguiti al meglio . Tutto ciò che dovrebbe essere usato per indurre alla vita e alla gioia, non è contemplato dai nostri protocolli sanitari. Per i soggetti che arrivano purtroppo a livelli di alta patologia chiaramente è impensabile l’interazione con l’attività sportiva o marziale.




Occorre comprendere come attraverso l’acquisizione delle tecniche, nella scioltezza e nell’eleganza delle forme l’individuo impara a piacersi, a rispettare se stesso scoprendo capacità che nemmeno immaginava di possedere . Questa autostima è alla base del processo di rinascita interiore che ad oggi ha aiutato migliaia di persone a tornare a vivere. Alle donne vittime di abusi sessuali dico di ripartire con coraggio, un passo alla volta ,mostrando come si possa essere più forti del male subito.

Un percorso duro, difficile, ma non impossibile da affrontare con professionisti preparati . In tal senso l’approccio corretto con le arti marziali può essere di supporto e favorire enormemente il recupero psico-fisico della persona”. In sintesi : Elvira Taurino dal tatami al cuore delle persone promuovendo le arti marziali quali grande risorsa di vita e medicina ideologica per chi si è trovato a fare i conti con la violenza efferata di individui senza scrupoli.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteNapoli, blitz notturno contro i Farelli: 19 criminali arrestati
SuccessivoCamorra, mire espansionistiche di giovani affiliati dei Gionta su Castellammare?
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.