Aveva violentato due ragazze, di cui una minore di 16 anni.

Nella prima mattinata di ieri, a seguito di un’indagine condotta dalla procura della repubblica di Napoli nord, i carabinieri della tenenza di Sant’Antimo, dipendente dalla compagnia di Giugliano, hanno eseguito l’ordinanza di arresto domiciliare nei confronti di un 45enne, domiciliato a Napoli nel quartiere Secondigliano.

Le indagini sono scaturite dalle denunce delle due donne che hanno subìto, in due distinti momenti del luglio e ottobre 2017, toccamenti delle loro parti intime e sono state costrette a toccare quelle dell’autore del fatto.

Identico nei due episodi il modus operandi.

L’ indagato violenta due ragazze dopo aver simulato di essere rimasto vittima di un incidente stradale con il proprio motoveicolo, inducendo le vittime a fermarsi e, una volta che queste gli si avvicinavano per aiutarlo, costringendole a praticare gli atti sessuali.