Torre Annunziata, camorra: ecco chi è il boss Pasquale Gallo

Una faida iniziata alla fine degli anni ’80 e combattuta a suon di morti ammazzati per le vie di Torre Annunziata

3312

omicidio pasquale galloPasquale Gallo, alias “o ‘Bellillo”, l’unico vero antagonista criminale del clan Gionta che giurò di uccidere il ras rivale Valentino. Una faida iniziata alla fine degli anni ’80 e combattuta a suon di morti ammazzati per le vie di Torre Annunziata: particolarmente eclatante il raid compiuto dai Gallo che con un’autovettura penetrarono nella roccaforte dei Gionta a Palazzo Fienga e, fingendosi carabinieri, riuscirono ad uccidere due pezzi da 90 dei “valentini”.




Un conflitto di proporzioni talmente vaste quello tra i due clan da richiedere l’intervento diretto dal capo di Cosa Nostra Salvatore Riina: il numero uno della mafia venne direttamente da Palermo per far stipulare un accordo tra i Gionta e i Gallo. Scaltro e spietato Pasquale Gallo ha sempre imposto ai propri affiliati la massima disciplina governando il territorio, criminalmente parlando, con pugno di ferro. Nessuna indulgenza per chi sgarrava o si mostrava debole nei confronti dei clan nemici.

Alleati con i Cesarano di Ponte Persica, i D’Alessandro di Castellammare e i Falanga di Torre del Greco i Gallo sono stati da sempre particolarmente temuti dal sistema nel vesuviano per la determinazione dei gruppi di fuoco, ritenuti oltremodo spietati e sanguinari. Estorsioni, spaccio di droga, gioco d’azzardo, racket, contrabbando, truffa , corruzione, edilizia e appalti: questi i principali business dei Gallo che a metà degli anni ’90 spostarono i loro traffici in Spagna e nei Paesi Bassi gestendo il traffico di stupefacenti (eroina, marijuana e cocaina) in tutti i Comuni vesuviani. Un primato che in poco tempo rese i Gallo un clan tra i più agguerriti e potenti del napoletano.




Uno strapotere che i Gionta non hanno mai tollerato: un’opposizione quella di don Valentino continua alle mire espansionistiche di Gallo e soprattutto al monopolio del boss Pasquale su Torre Annunziata. “Una questione d’onore”: queste le parole di Gionta per giustificare una faida che andava ben oltre i soli interessi economici. Tanto che il 16 agosto del 2006 all’esterno dello stadio Giraud di Torre Annunziata venne trucidato Natale Scarpa, padre di un esponente di spicco dei Gallo. A sparare, secondo le rivelazioni dei pentiti, furono due killer dei Gionta, ovvero Luigi Maresca e Francesco Amoruso (deceduto in stato di detenzione al 41 bis): assolti invece i figli del ras Valentino Pasquale e Aldo, il primo con formula piena e il secondo per insufficienza di prove. Un agguato che segnò la ripresa delle ostilità tra i due gruppi criminali mietendo vittime in entrambi gli schieramenti da bollettino di guerra: 4 omicidi in 3 giorni nel 2007.

Una mattanza che durò fino al 2012, anno in cui i Gionta persero terreno consentendo ai Gallo di spadroneggiare sul territorio. Nel 2013 i Gallo subirono a loro volta una massiccia operazione di polizia che porta dietro le sbarre 90 affiliati con l’accusa di associazione a delinquere, estorsione, porto abusivo d’arma da fuoco, omicidio e traffico internazionale di stupefacenti. Deus ex machina della mala torrese Pasquale Gallo ha sempre conteso a Valentino Gionta lo scettro di “re di Torre Annunziata”: una competizione criminale che ancora accende gli entusiasmi incoscienti di una parte dei giovani torresi pronti a ostentare tatuaggi che identificano l’appartenenza a uno dei due clan. Grido di guerra dei giovani affiliati dei Gallo sempre lo stesso che lascia poco spazio ad eventuali dubbi: “I valentini devono cadere”.

Alfonso Maria Liguori



Share
Condividi
PrecedenteNapoli, “case celesti”di Secondigliano: arrestati 3 trafficanti
SuccessivoIn possesso di pistola, droga e mazza da baseball: arrestato 29enne di Gragnano
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.