Imprenditori motivati e impegnati nel sano associazionismo: la rinascita del vesuviano

Fortunatamente in questo oscurantismo senza fine si cominciano intravedere barlumi di luce: imprenditori motivati e impegnati nel sano associazionismo, politici motivati

565

Tante manifestazioni e iniziative promosse nella stragrande maggioranza dei casi dalle associazioni impegnate nei comuni vesuviani : senza però un’adeguata scolarizzazione e politiche occupazionali concrete la scena fondamentalmente non cambia. Desertificazioni , soprattutto all’imbrunire, di intere aree delle comunità vesuviane, scarsa considerazione dei luoghi da parte dei residenti che esasperati da inefficienze e disservizi finiscono con il recarsi puntualmente per lo shopping nei grossi centri commerciali sorti come funghi all’ombra del Vesuvio.




Un’analisi reale che rischia di dividere sempre di più le cittadine vesuviane in strati sociali : dall’ alto le casate dei potenti controllano quanto avviene intorno a se avendo propri scudieri in ogni settore della società civile. Entità quasi astratte e spesso nell’ombra che si arricchiscono fondamentalmente sulla povertà endemica di contesti in cui per decenni si è stati costretti ad emigrare per cercare lavoro.

Oggi molti fingono di non ricordare, negano persino di conoscere camorristi e politici corrotti, di altissimo profilo istituzionale, che un tempo trasformavano concorsi pubblici e non in mercati dove vendere posti al migliore offerente. Poco importa se gli acquirenti ancora oggi in alcuni casi siano sulla cresta dell’onda ricoprendo incarichi delicatissimi : come al solito trionfa il ritornello di una celebre melodia nostrana “ finché la barca va lasciale andare”.




Fortunatamente in questo oscurantismo senza fine si cominciano intravedere barlumi di luce : imprenditori motivati e impegnati nel sano associazionismo, politici motivati , amanti dei propri luoghi d’origine e determinati a contribuire nella massima trasparenza al rinnovamento di territorio dalle potenzialità produttive immense. Su queste risorse umane i giovani devono investire se vogliono tornare a credere e lavorare li dove sono nati e cresciuti senza esser costretti a cercare fortuna altrove.

Un dato che deve responsabilizzare ogni onesto cittadino del vesuviano che con la propria testimonianza di vita può regalare speranza alle nuove leve cassando la convinzione radicata in tanti che sotto il vulcano più famoso d’Europa ( e non solo) per costruire qualcosa di concreto si debba appartenere a qualcuno, essere legati a Tizio o Caio o possedere già grossi beni grazie ai quali campare di rendita speculando a proprio piacimento sulle altrui difficoltà.

Alfonso Maria Liguori

 

Share
Condividi
PrecedenteSan Valentino “amaro” a Posillipo, Capri, Ischia e Portici: decine di ristoranti fuorilegge
SuccessivoCastellammare, processo Sigfrido contro i D’Alessandro: corsa contro il tempo per evitare la prescrizione
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.