La Juve Stabia cade ancora in casa. Il Bisceglie ne fa due e torna al successo

I gialloblù di casa hanno sbagliato l’approccio alla gara lasciandosi irretire dalla tela del Bisceglie che a centrocampo ha avuto la meglio. Nel 2018 la Juve Stabia ancora non vince in casa

0
406

La Juve Stabia non concede il bis dopo il colpo esterno a Fondi e capitola in casa contro il Bisceglie per 2-0. Per i pugliesi invece è “Campania Felix” visto che hanno conquistato le loro tre vittorie in trasferta tutte contro avversarie campane (Paganese, Caserta e Juve Stabia). I gialloblù di casa hanno sbagliato l’approccio alla gara lasciandosi irretire dalla tela del Bisceglie che a centrocampo ha avuto la meglio. Nel 2018 la Juve Stabia ancora non vince in casa. Per il Bisceglie si tratta del ritorno al successo dopo tre sconfitte di fila.



Il Bisceglie , che si dispone con il 3-5-2,  passa al 10’ del primo tempo con D’ Ursi su assist di Ayina da sinistra, sfruttando una ripartenza dopo una palla persa dai locali a centrocampo.

La Juve Stabia , impostata con il 4-4-2, cerca di reagire e al 23’ ha una buona occasione gol con Canotto servito su cross da destra di Melara. L’attaccante spreca malamente in area avversaria. Il Bisceglie non demorde e al 31’ Azzi in area stabiese ha una doppia occasione ma Branduani sbroglia la matassa parando il doppio tiro dell’avversario.  Nel finale di primo tempo la Juve Stabia sfiora il pareggio con Paponi al 41’ e al 43’ ma la punta sbaglia in entrambe le occasioni mon centrando il bersaglio  di testa.

Nella ripresa le Vespe provano ad imbastire una reazione ma senza convinzione. Sporadiche sono le occasioni gol create dalla Juve Stabia che colleziona solo corner. Il Bisceglie si chiude a riccio negli ultimi minuti senza però mai soffrire.

Nel recupero del secondo tempo la Juve Stabia, protesa in attacco anche con il portiere Branduani, subisce il secondo gol in contropiede con Jovanovic.

In sala stampa, questa l’analisi di Fabio Caserta, tecnico Stabiese: “Oggi abbiamo giocato senza ardore e senza anima. Sconfitta meritata. Il Bisceglie si è rivelato una bestia nera per noi visto che anche all’andata abbiamo perso dopo una brutta prestazione. Ora dobbiamo ripartire e pensare subito alla trasferta di Lecce. Per quanto riguarda Canotto e la sua sostituzione, ho ritenuto il suo cambio come una scelta tecnica in quel momento della partita. Se c’è stata una sua reazione al momento dell’uscita , dovrà scusarsi con i suoi compagni”.

Giuseppe Alberga, tecnico del Bisceglie, alla prima vittoria in panchina dopo aver sostituito Zavettieri la scorsa settimana: “Bel colpo da parte nostra. Abbiamo mostrato convinzione nei nostri mezzi. La sconfitta interna con il Lecce della scorsa settimana non ci abbattuti moralmente visto che la prestazione era stata comunque positiva nonostante il risultato non favorevole. Nel primo tempo abbiamo costruito buone occasioni concedendo poco alla Juve Stabia. Avremmo anche potuto raddoppiare. Nella ripresa ho dovuto fare dei cambi ed immettere forze fresche per dare maggiore solidità al reparto difensivo e mettere al sicuro il risultato”.

JUVE STABIA (4-4-2): Branduani 5.5; Nava 5 ( 26’ st Dentice 5) Marzorati 5 Bachini 5 Crialese 5; Melara 5.5 ( 26’ st Berardi 5) Viola 5.5 Mastalli 5 (34’ st Sorrentino sv) Canotto 5 (7’ st Strefezza 5); Paponi 5 Simeri 5 (34’ st Vicente sv). A disp.: Bacci, Allievi, Redolfi, Matute, Franchini, Calò, D’Auria. All.: Caserta-Ferrara 5.

BISCEGLIE (3-5-2): Crispino 6; Delvino 6 Markic 6 Jurkic 6; Azzi 6.5 (17’ st Petta 6) Risolo 6  (37’ st  D’Ancora sv) Toskic 6.5 Montinaro 6 Giron 6; Ayina 6 ( 37’ st Prezioso sv) D’Ursi 7 (29’ st Jovanovic 7). A disp.: Vassallo, A.Alberga, Diallo, Migliavacca, Vrdoljak. All.: G. Alberga 7.

ARBITRO: Zufferli di Udine 6.

Guardalinee: Massara e Terenzio.

MARCATORI: 10’ pt D’Ursi, 50’ st Jovanovic.

AMMONITO: Crispino (B).

Note: spettatori 581 (abbonati 416), incasso totale di 4.481 euro. Angoli 9-5 per la J.Stabia. Recupero, pt 0’, st 5’. A fine gara espulso il portiere Branduani  (JS) per proteste.

Domenico Ferraro