Notte di terrore a Benevento: rapinatori sequestrano 3 ragazze

Nel frattempo in casa, hanno fatto irruzione i rapinatori che hanno immobilizzato la giovane e poi sequestrato le amiche tornate dalla pizzeria

0
488

Notte di terrore a Frasso Telesino (Benevento) dove quattro rapinatori, incappucciati e armati di pistola, hanno fatto irruzione nell’abitazione di un medico sequestrando tre ragazze (la figlia del professionista – che non era in casa – di 16 anni e due sue amiche di 20) e, successivamente, prima il papà e poi la mamma di una di loro, ferita alla testa con un corpo contundente da uno dei malviventi.




La giovane aveva invitato a casa le amiche che ad un certo punto sono uscite per comprare una pizza. Nel frattempo in casa, hanno fatto irruzione i rapinatori che hanno immobilizzato la giovane e poi sequestrato le amiche tornate dalla pizzeria. Intorno alle 23 sono arrivati i genitori di una delle due amiche si sono recate a casa del medico: ad aprire al padre sono stati i malviventi che hanno sequestrato l’uomo . Dopo una decina di minuti, la moglie, preoccupata del mancato ritorno del coniuge , è entrata in casa dove è stata ferita alla testa e immobilizzata.

I rapinatori sono fuggiti con quanto trovato. Una brutta vicenda che evidenzia ancora una volta il livello dell’emergenza sicurezza in Campania. Un tema delicatissimo che veda all’opera con professionalità h 24 le forze dell’ordine impegnate sul territorio per prevenire e reprimere sul nascere episodi di violenza messi in essere ai danni di onesti cittadini all’interno delle loro stesse abitazioni. Quale la soluzione? Consentire l’utilizzo di armi da fuoco legalmente detenute in caso di irruzione nella proprietà privata con maggiore facilità? Trasformare di fatto il Paese in far west? Interrogativi che dovrebbero seriamente impegnare il mondo politico che conta , ormai in vistoso affanno nel governare questa Repubblica.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteDirettiva Bolkestein: Gioacchino Alfano: “Metteremo al sicuro tutti glii ambulanti”
SuccessivoGioacchino Alfano: “Come Sottosegretario alla Difesa ho prove certe che è necessario restare in Europa”
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.