Ritrovati a Napoli 3 motocicli rubati marca Honda: riconsegnati a proprietari

Sono stati rinvenuti 3 motocicli di grossa cilindrata, modello Honda , tutti con vari danni o alle centraline o ai sistemi di blocca sterzo

372

Ieri pomeriggio, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di San Giovanni-Barra, a seguito di intense e strette attività di controllo, in via Cupa Cimitero, hanno rinvenuto all’interno di un garage incustodito, dietro ad una parete di cemento forato un vero e proprio deposito di motocicli rubati e altro materiale.




Infatti, sono stati rinvenuti 3 motocicli di grossa cilindrata, modello Honda , tutti con vari danni o alle centraline o ai sistemi di blocca sterzo. Gli scooter sono stati riconsegnati ai legittimi proprietari che ne avevano fatto denuncia, dopo essere stati rintracciati. Inoltre, nascosti in un foro nella parete, sono stati trovati 1 sfollagente telescopico di colore nero, 1 pistola a salve tipo revolver con canna modificata, marca Bruni, 1 pistola a piombini, di colore nero, marca 2Gamo.

Da informazioni acquisite sul posto nessuno ha saputo dare informazioni sui legittimi proprietari del garage. Le indagini proseguono. Ancora una volta l’operazione testimonia l’impegno delle forze dell’ordine nella lotta la crimine organizzato con particolare riferimento al mercato delle armi clandestine e dei veicoli rubati. Un business enorme per il sistema che si avvarrebbe della complicità di insospettabili titolari di autorimesse, meccanici e carrozzieri.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedentePonticelli, scoperti in un appartamento abusivo armi e munizionamento
SuccessivoQuegli incendi dopo l’inchiesta di Fanpage: cosa sta succedendo?
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.