E’ rientrata a Napoli Rosa Di Domenico: 9 mesi fa si era allontanata da casa

Le squadre mobili di Napoli e Brescia hanno trasferito le informazioni alla polizia turca tramite l'Interpol che ha inviato una notifica sul caso

0
298

Ieri pomeriggio è rientrata a Napoli con un aereo proveniente dalla Turchia Rosa Di Domenico, la ragazza minorenne partenopea allontanatasi per 9 mesi senza dare alcun segnale alla famiglia . Il Pubblico Ministero della Procura Nord di Napoli ha raccolto le prime dichiarazioni della ragazza nell’aeroporto di Capodichino. La 15enne si era allontanata da casa nel mese di maggio scorso e dopo la denuncia dei genitori erano iniziate le ricerche per ritrovarla. Le indagini delle forze dell’ordine hanno consentito di individuare nella Turchia come il paese nel quale Rosa si era trasferita.




Le squadre mobili di Napoli e Brescia hanno trasferito le informazioni alla polizia turca tramite l’Interpol che ha inviato una notifica sul caso. Rosa si era presentata stamattina nel Consolato di Istanbul che ha poi trasferito l’informazione agli inquirenti italiani. La giovane, grazie all’ausilio di una psicologa, ha riferito una serie di informazioni di interesse investigativo al vaglio della Procura e che verranno riscontrate dalla polizia giudiziaria con successive indagini. “Ciao sono Rosa, io sto bene e voglio ringraziare tutti voi che in questo periodo di tempo siete stati accanto alla mia famiglia, lasciandola mai da sola e dandogli la forza e il coraggio di andare avanti.




Siete delle persone fantastiche. Grazie a tutti voi con il cuore”. Questo messaggio, inviato sui social networks dalla zia di Rosa Di Domenico in piena notte, è stato condiviso da centinaia di persone. Erano tantissimi i gruppi che si interessavano della ricerca della quindicenne di Sant’Antimo che ieri, nove mesi dopo, ha potuto finalmente riabbracciare la sua famiglia. Da alcune indiscrezioni provenienti da ambienti investigativi sembra che che la ragazza abbia raggiunto a Milano, in treno, Ali’ Quasib, 25enne di Brescia, indagato, dopo averlo conosciuto in chat nel 2012. I due avevano fatto perdere le proprie tracce trasferendosi in Grecia e poi in Turchia. Lieto fine dunque per una vicenda che ha gettato nel panico la famiglia di Rosa per mesi.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
Precedente8 marzo al Parco Archeologico di Ercolano: ingresso gratuito per le donne
SuccessivoBoscoreale, scuola De Prisco: al via le procedure per i lavori di ristrutturazione
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.