A Ercolano il 17 marzo: “I reni e la salute delle donne”

Colomba Formisano: "E’ per me un onore mettere le mie capacità professionali al servizio della comunità ercolanese che ho l’onore di rappresentare"

0
453

Il 17 marzo prossimo si terrà presso i locali dell’ “Officina della Pace” in via Aldo Moro a Ercolano, dalle 9 alle 13,00, un’iniziativa di prevenzione sanitaria denominata “ I reni e la salute delle donne”. Un appuntamento importante che verterà su visite nefrologiche e sull’individuazione di fattori a rischio per la salute dei reni. “In occasione della campagna di prevenzione sanitaria abbiamo organizzato una mattinata per la salute del rene – ha precisato la dottoressa Colomba Formisano – . E’ per me un onore mettere le mie capacità professionali al servizio della comunità ercolanese che ho l’onore di rappresentare anche come consigliere comunale.




Al di la di qualsiasi tematica la salute dei cittadini e la tutela della stessa devono essere sempre al primo posto nelle attività promosse sul territorio. Grazie alla sensibilità dell’Ente Comune di Ercolano , dei Lion Club sezione Portici – Miglio D’oro e del Centro Emodialisi Nephron di Ercolano, è stato possibile concretizzare un evento che materializza l’impegno filantropico di chi ancora crede nel ruolo delle Istituzioni e nell’impegno di ciascun cittadino , nel rispetto dei ruoli e delle competenze specifiche, quali fondamenta sulle quali edificare un processo rinnovativo degno di tale appellativo”.

Noto e stimato camice bianco Colomba Formisano è sempre stata in prima linea nelle attività promosse sul territorio ercolanese, mostrandosi profondamente innamorata dei suoi luoghi d’origine e determinata a tutelare le potenzialità espressive e produttive di una realtà vesuviana troppo spesso in passato balzata ai clamori della cronaca per vicende legate al malaffare. “ Impariamo a vedere il bicchiere mezzo pieno – ha concluso Formisano- a rimboccarci con umiltà le maniche offrendo il nostro umile contributo alla causa. Le tradizioni storico-culturali di Ercolano onorano i suoi figli : a noi l’onere di trasmettere alle nuove leve fiducia e speranza in un domani che consenta loro di vivere e investire in una città migliore.




Non abbandoneremo mai la nostra pacifica battaglia in difesa della salute e del rispetto della qualità d’esistenza dei cittadini. Un impegno che non conosce bandiere politiche o schieramenti partitici ma è solo animato dalla volontà di salvaguardare il benessere fisico degli ercolanesi aiutando nel contempo la città a crescere qualitativamente. “Non chiedete cosa il vostro paese può fare per voi, chiedete cosa potete fare voi per il vostro paese” : prendendo spunto dalle parole di J.F. Kennedy dobbiamo potenziare la sinergia e la cooperazione tra le forze in campo per l’ottimizzazione delle iniziative e dei progetti sociali da promuovere sul territorio ercolanese. Il tutto nel rispetto della legalità e della civile convivenza ”.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteCastellammare, camorra: è intatto il potere del clan Cesarano
SuccessivoA Napoli la presentazione del libro “La rivoluzione contro l’Ape Regina”
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.