Abusivismo in ville di lusso, blitz a Capri: sequestri e denunce

Una villa in via Dalmazio era stata allargata per un valore commerciale di 320mila euro

0
503

Capri: carabinieri contro abusivismo in ville di lusso. Volumetrie aumentate per far salire il valore commerciale. Pioggia di denunce e 4 ville sequestrate. Anche nell’ultima settimana i carabinieri della compagnia Sorrento hanno svolto controlli per il contrasto all’abusivismo edilizio: la denuncia è scattata per 12 persone. 4 le ville sequestrate.




Si tratta di un’ imprenditrice proprietaria di una villa in via Krupp, dei 2 fratelli usufruttuari dell’immobile e della comproprietaria dello stesso che hanno effettuato lavori per aumentare la volumetria dell’abitazione e farne lievitare di conseguenza il valore commerciale di circa 150mila euro.

Per analoghi lavori in una villa in via marucella sono stati denunciati i 3 fratelli comproprietari; in questo caso l’accrescimento della volumetria si è tradotto in un valore aggiunto di circa 700mila euro. Una villa in via Dalmazio era stata allargata per un valore commerciale di 320mila euro. Denunciati l’amministratore unico della società proprietaria dell’immobile, l’amministratore della ditta esecutrice dei lavori e l’architetto direttore dei lavori.




per lavori in un’abitazione in via matermania, infine, è stato deferito il geometra progettista dei lavori perché aveva rilasciato false attestazioni in modo da permettere un aumento di volumetria tradotto in un valore commerciale di 460mila euro.



Condividi
PrecedenteNapoli, uccisero Emanuele Sibillo: ergastolo per i killer dei Buonerba
SuccessivoRaccolta differenziata, il 18 marzo parte a Castellammare di Stabia il nuovo piano di raccolta dei rifiuti
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.