Volla, si sbriciola Area Comune. Nuove coalizioni in vista delle Amministrative?

Manfellotti e Guastafierro scelgono Di Marzo sindaco, Petrone e Sorrentino presentano le dimissioni al direttivo: "Candidatura non condivisa e non vincente"

2551

La notizia e di quelle che fanno rumore per lo scenario politico vollese. Direttivo di fuoco, ieri sera, per area comune che in chiusura, nel tirare le somme vede un candidato sindaco ufficiale e un gruppo politico che in pratica non esiste più.


Il duo Luciano Manfellotti-Pasquale Guastafierro hanno scelto: Pasquale Di Marzo candidato sindaco dei centristi di quella che a questo punto fu Area Comune. Sì, perchè oggi l’aggregazione di centro voluta da Pasquale Petrone, esponente Udc, nei fatti non esiste più. A lasciare il direttivo sbattendo la porta proprio Petrone e Sergio Sorrentino, dimissionari e fortemente critici nei confronti della scelta di Di Marzo per la corsa alla poltrona di primo cittadino.

La candidatura voluta voluta dall’ex candidato sindaco, Manfellotti e dall’ex vice sindaco dell’amministrazione Ricci, Guastafierro, sarebbe stata definita non condivisa, ma soprattutto debole e non vincente.

Si sbriciola quindi quella che sembrava essere una delle coalizioni che potevano puntare alla vittoria elettorale e si aprono nuovi scenari per possibili nuove ed inattese intese.

Pasquale Petrone e la sua creatura politica e i tutti quelli che lo seguiranno si affacciano ora al balcone della politica cittadina e di certo cercheranno altre sponde a cui approdare per affrontare l’agone politico che designerà un sindaco per la commissariata Volla.

Si aprono nuove possibilità per i sindaci in pectore che erano in cerca alleati e chissà se questo nuovo scenario non determinerà un serio cambiamento dei pesi politici cittadini.

A guardare con interesse a quanto accaduto principalmente Annone e Viscovo che si dicono da tempo aperti a tutti i confronti e a nuove intese.

Gennaro Cirillo