La Costituzione tradotta in napoletano all’IC3 Rodari Castaldi di Boscoreale

Il “benvenuto” sarà dato dal Dirigente scolastico, Teresa Mirone, lunedì 19 marzo, alle 11, nella Sala –Teatro del plesso Marchesa

1945

Punta sulla conoscenza dei principi della Costituzione italiana, nel settantesimo della sua promulgazione, la «settimana della Legalità» che da lunedì 19 marzo a venerdì 23 marzo, sarà di scena all’IC 3° Castaldi Rodari di Boscoreale. E proprio per evidenziare l’importanza della «Legge» per eccellenza, ogni classe ha adottato un articolo della Costituzione. Articoli che il giornalista Carlo Avvisati ha tradotto nella parlata napoletana e che verranno proposti ai ragazzi in quel dialetto affinché siano meglio compresi nella loro essenza. La legalità dunque va a scuola. E, per cinque giorni, sarà al centro di dibattiti, relazioni e tavole rotonde a cui parteciperanno esperti, giornalisti, scrittori, docenti e politici.





Il “benvenuto” sarà dato dal Dirigente scolastico, Teresa Mirone, lunedì 19 marzo, alle 11, nella Sala –Teatro del plesso «Marchesa». Per questo primo giorno sono previsti interventi di Massimo Serra, comandante della Stazione dell’Arma di Boscoreale, del sindaco Giuseppe Balzano, dell’assessore alla Pubblica Istruzione, Valentina Mazzola, del giornalista Francesco Servino e dello scrittore Francesco Paolo Oreste. In sequenza, nelle successive giornate sono da segnalare interventi e presenze di Tonino Scala, scrittore e giornalista, Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale “Verdi”, Carlo Avvisati, storico e giornalista, oltre a quella di numerosi genitori sempre disponibili a rendere collaborazioni alla scuola per le attività scolastiche.

Con ognuno degli ospiti si argomenterà negli incontri calendarizzati per tutti i plessi: Marchesa, Cangiani, Pellegrini e Passanti. «Educare alla Legalità, alla cittadinanza attiva – rimarca la dirigente scolastica Mirone – è un impegno che l’IC 3° Castaldi Rodari promuove con forza, da sempre, nella speranza di costruire un mondo migliore. Un mondo in cui vengano rispettati i principi fondamentali della Costituzione italiana di cui, quest’anno, ricorre il settantesimo dall’entrata in vigore». La settimana si completerà venerdì 23 marzo con l’inaugurazione del Club dei Paladini dal Pollice Verde, nel Plesso Passanti, in memoria di Ferdinando Servino, attivista, promotore dell’Educazione ambientale e della tutela del patrimonio locale.




Un’aula, per il momento con poche suppellettili, vedrà periodicamente gruppi di alunni che lì ideeranno e pianificheranno attività da portare a termine in tutti i plessi della scuola e da essi sul territorio. Si realizzerà, così, il progetto che venne ideato tre anni fa dalla professoressa Carmela Casinelli Carmela, sostenuta dalla dirigente scolastica e dagli alunni dell’attuale III A della Secondaria, che vede compiuto l’articolo 18 della Costituzione: ovvero quello sulla libertà di associarsi per promuovere, con determinazione, azioni in campo per la tutela delle risorse, delle bellezze e delle antiche tradizione che hanno fatto la grandezza della terra campana, spesso martoriata e incompresa.

Romilda Barbato