Non c’è pace a Torre Annunziata, la città nelle mani dei clan

Una situazione oltremodo caotica ulteriormente complicata dalla comparsa in città di baby gang formate nella stragrande maggioranza dei casi da giovanissimi sbandati

3114

Arresti domiciliari in una comunità terapeutica per il 37enne Salvatore Solimeno, il pregiudicato di Boscoreale accusato di numerose rapine ai danni di commercianti di Torre Annunziata. Accolta in pieno dal Gip  la richiesta  della toga Gennaro De Gennaro, legale di Solimeno, presentata ai giudici del Tribunale di Torre Annunziata in merito alla revoca del provvedimento di custodia cautelare.

Salvatore Solimeno avrebbe in realtà origini oplontine , sebbene residente a Boscoreale, e sarebbe  un personaggio particolarmente temuto sul territorio per la lunga serie di rapine che porterebbero la sua firma.

Non ci sarebbe pace a Torre Annunziata sul fronte sicurezza: nonostante la pressione continua esercitata sui luoghi dalle forze dell’ordine magistralmente coordinate dalla Procura della Repubblica i clan sembrerebbero dotati di incredibili capacità rigenerative, con particolare riferimento ai Gionta. Ad oggi infatti la leadership criminale sul territorio, nonostante gli arresti eccellenti e le confische di beni, sarebbe ancora detenuta dai “valentini” in continuo contrasto con i Gallo-Cavalieri e con il cosiddetto Terzo Sistema sul quale i giudici non si sarebbero ancora definitivamente  pronunciati in merito al ritenere o meno lo stesso  clan di camorra.

Una situazione oltremodo caotica ulteriormente complicata dalla comparsa in città di baby gang formate nella stragrande maggioranza dei casi da giovanissimi sbandati dall’indole violenta e poco inclini a sottostare alla gerarchia degli storici sodalizi criminali. In mezzo cittadini, commercianti e imprenditori continuamente vessati dalle vergognose gesta di individui senza scrupoli. Sono lontani i tempi in cui anche la camorra aveva delle regole, degli pseudo principi a cui gli affiliati dovevano rigorosamente attenersi. Oggi si assiste ormai a un tutti contro tutti senza esclusione di bersagli da colpire, fossero pure donne, bambini, anziani o diversamente abili.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteA maggio la 10° edizione: Pompei-Cesenatico, solo per passione
SuccessivoViolenza sulle donne: istituire corsi di difesa personale nelle scuole pubbliche
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.