È partito il conto alla rovescia per l’edizione 2018 di Light+Building 2018, una delle più importanti manifestazioni al mondo dedicate al settore dell’impiantistica elettrica, che si tiene ogni due anni nella città di Francoforte. Tra i protagonisti più attesi c’è anche un pizzico di Italia, visto che il Gruppo Legrand ha annunciato che il proprio stand dedicherà uno spazio importante alla nuova gamma BTicino, con particolare riguardo per le soluzioni a tema “smart home”.

La BTicino a Francoforte

La fiera parte il 18 marzo e la compagnia italiana ha già comunicato alcune delle produzioni che saranno messe in vetrina in terra tedesca, a cominciare dalle novità della gamma Eliot e dalle ultime soluzioni per smart home e smart hotel, che vanno a completare l’offerta del gruppo originario di Varese, distribuito nel nostro Paese anche da rivenditori online come puntoluce.net, su cui acquistare in modo veloce e digitale anche le altre produzioni come la serie BTicino Living Light.

Il nuovo Salvavita connesso

Lo scenario di Francoforte sarà soprattutto l’occasione per presentare alla platea internazionale il Salvavita connesso, uno strumento innovativo che racchiude in pochi centimetri di spazio una vera e propria “centralina”: grazie alla connessione continua con uno smartphone (o un altro dispositivo mobile), l’apparecchio supera il concetto del classico interruttore perché è sviluppato innanzitutto per richiudere il sistema in conseguenza di un imprevisto intempestivo come un fulmine o un disturbo sulla rete, e allo stesso tempo per fornire in tempo reale informazioni sul funzionamento dell’impianto, oltre che per offrire la possibilità di azionare e gestire l’interruttore differenziale a distanza.

Una ricarica green e smart

La strategia complessa e profonda di BTicino in ambito IoT e soluzioni smart viene affermata anche dai nuovi ambiti cui si sta spingendo Eliot, il programma specifico che l’azienda italiana ha pensato per gli oggetti connessi, che oggi offre delle infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici che si dimostrano adatte ad ogni tipo di applicazione, dagli ambienti residenziali ai luoghi pubblici del terziario. Oltre a essere sicure e resistenti, queste stazioni di ricarica chiamate Green’Up riescono a integrare funzioni innovative, come l’applicazione dedicata EV Charge che mette a disposizione degli utenti la possibilità di controllare e gestire a distanza la ricarica del veicolo attraverso smartphone, tablet o PC.

Gli altri prodotti BTicino

Cambiamenti in arrivo anche per i prodotti più “storici” della gamma Eliot, come il termostato connesso Smarther, per il quale sono state aggiunte nuove funzionalità: la principale, a quanto viene comunicato da BTicino, riguarda la funzionalità che permette la interconnessione con gli assistenti vocali più diffusi del mercato, che va di pari passo con la possibilità di abilitare il controllo vocale con gli assistenti digitali come Google Home e Amazon Alexa. Inoltre, sempre in tema di “piccole novità”, il videocitofono connesso Classe 300X sarà a breve integrabile con due tipologie di serrature “intelligenti”, ovvero le ENTR di Yale (Assa Abloy Group) e le Samsung-Wisenet camera di Hanwha: in termini concreti, questo significa che gli utenti possono gestire anche la porta di casa tramite app ed estendere il controllo video dell’abitazione da remoto tramite l’applicazione Door entry oppure in modo locale dal videocitofono.