Gay Pride a Pompei, Forza Nuova: «se venite a frocieggiare fuori al Santuario vi pigliamo a calci sulle gengive»

851

gay pride pompei forza nuova«Uno scenario agghiacciante paragonabile senz’altro alla distruzione dovuta all’eruzione del Vesuvio del 70». Con queste parole Forza Nuova si riferisce al Gay Pride che si terrà a Pompei il 30 giugno prossimo. «Una sfilata tra il carnevalesco e il porno di sicuro cattivo gusto – si legge sul comunicato – e contrario alla buona educazione». Si tratterebbe di uno dei «tanti attacchi alla cultura cristiana e alla civiltà stessa da parte di Arcigay e dei sedicenti movimenti femministi.»




Il giorno dell’orgoglio gay, promettono, «l’intera comunità forzanovista presidierà il Santuario per l’intera giornata, impedendo con ogni mezzo in nostro potere che i circensi delle lobby LBGT, tanto coccolati dall’amministrazione locale, si esibiscano nelle loro volgari e inutili manifestazioni». Su Facebook il leader campano del partito di estrema destra si rivolge direttamente al presidente di Arcigay Napoli Antonello Sannino e minaccia: «sappiate che se venite a frocieggiare fuori al Santuario vi pigliamo a calci sulle gengive (non altrove perché potreste provare piacere).»

«Un’intimidazione squadrista e fascista – denuncia Sannino – chiediamo una forte risposta dalle istituzioni e in particolare dal Comune che deve dare il patrocinio morale e sostenere in maniera ancora più determinata il Gay Pride, grande festa di civiltà, un corteo pacifico per rivendicare diritti ed eguaglianza.»




Respinta anche l’accusa di attaccare i valori cristiani. «Sono loro che strumentalizzano la religione con le lacrime della Madonna. Non è la prima aggressione da parte di Forza Nuova. Non ci lasceremo intimorire da chi vuole odio e tristezza. Il 30 giugno saremo in tantissimi e in tantissime saremo in piazza e sarà la più bella risposta all’inciviltà e alla violenza.»

mielrob