Ottaviano: maratona sul Vesuvio sui sentieri di Spartaco

Due, le gare che vedranno decine di atleti impegnati a contendersi i trofei della Skymaraton e del Trial della Valle dell'Inferno.

6185

Prenderà il via la mattina del sei maggio prossimo, a Ottaviano, la Vesuvio SkyMarathon, una delle competizioni sportive più faticose e affascinanti tra quelle che annualmente si tengono in Italia. La kermesse è stata presentata alla 22° Edizione della BTM, la Borsa Mediterranea del Turismo, tenutasi i giorni 23 -24 e 25 marzo a Napoli, nei saloni della Mostra d’ Oltremare. Due, le gare: la Skymaraton, di 42 Km, e il Trial della Valle dell’Inferno, 21 Km, che si svilupperanno su altrettanti percorsi, tra i paesaggi delle sabbie vulcaniche, attraversando i sentieri e i rifugi di Spartaco, il gladiatore che si ribellò a Roma, per arrivare fin su la vetta del Vesuvio e dei suoi Cognoli.




La manifestazione sportiva è organizzata dalla ASD Vesuvio Lives e punta a valorizzare ancora di più la riserva naturale e polmone verde dell’area vesuviana. Il Parco Nazionale del Vesuvio, difatti, è un sito di grande interesse mondiale per la geologia, la biologia e la storia del territorio. Il Parco si sviluppa attorno al complesso vulcanico Somma-Vesuvio con un territorio ricco di bellezze storiche e naturalistiche. Tra le altre, l’aera vanta una produzione agricola unica per varietà e qualità di sapori. Lungo la riserva si possono incontrare facilmente la tipica flora vesuviana come il mirto, il corbezzolo, la roverella le orchidee, la valeriana rossa e tantissime ginestre. Mentre, per la fauna, vanno segnalate la volpe, la faina, la donnola, il falco di palude e la lepre.

Dal punto di vista geologico, poi, veri e propri spaccati vulcanici sono offerti dalle bombe di pietra incastrate nella colata lavica basaltica, di colore rosso per la ricchezza di ferro. Per il presidente dell’associazione «ADS Vesuvio», Giuseppe Miranda, la partecipazione alla «Borsa» è stata un’esperienza di notevole rilevanza che ha messo in evidenza lo spirito di coesione tra il Team di Vesuvio SkyMaraton, l’Ente Parco e Eccellenze Campane, con un feeling che ha investito tutti i partecipanti e gli operatori turistici, provenienti da tutto il mondo. Elemento che ha evidenziato ancor più l’attenzione sul complesso Somma-Vesuvio, meraviglia del mondo e patrimonio Unesco.




Per Vitaliano Esposito, vicepresidente della «Vesuvio Lives», che è società organizzatrice di «Vesuvio SkyMaraton», non solo si è trattato di «un’ ottima esperienza» ma anche una bella soddisfazione quell’aver avvicinato «tanta gente che ha chiesto notizie e spiegazioni circa i sentieri di Spartaco e del Parco Vesuvio». «Il nostro grazie – continua Esposito – va tanto al Presidente del Parco, Casillo, che ha approvato in pieno questo tipo di promozione, quanto a Francesco Carrabs, che ci ha ospitato alla BMT. L’ avventura della Vesuvio SkyMaraton è iniziata alla grande».

Romilda Barbato



Share