Castellammare, primo giorno da record per la funivia: 2000 biglietti venduti

La stagione estiva sta per arrivare e Castellammare, con la sua panarella, è pronta ad un ruolo da protagonista nel palcoscenico turistico regionale

709

funiviaE’ stato un giorno storico per la funivia che collega Castellammare con il Monte Faito. A Pasquetta, infatti, sono stati 2mila i biglietti venduti per tutto l’arco della giornata. Risposte confortanti quindi per l’Eav, la Regione Campania e il Parco Regionale dei Monti Lattari che hanno puntato tantissimo sulla riapertura della panarella dopo i necessari lavori di restyling dei mesi scorsi.




La funivia resterà aperta fino all’11 novembre prossimo. Quasi sei mesi di attività che potrebbero rianimare il Faito che a lungo ha sofferto l’inattività della funicolare. L’unica pecca riguarda i disabili: per loro la panarella è ancora off limits. L’eliminazione delle barriere architettoniche nella stazione di Castellammare e in cima non è stata garantita ed è così che i diversamente abili sono costretti ad utilizzare il classico autobus. Purtroppo, sia la strada da Quisisana che quella di Vico, al momento sono inagibili. I disagi continueranno. Dall’Eav però fanno sapere che i lavori saranno terminati nei prossimi mesi con la creazione degli ascensori necessari.




Dopo il boom di Pasquetta, l’obiettivo sarà quello di battere i numeri record del 2016 (nel 2017 la panarella è stata aperta solamente un mese) quando il servizio rimase attivo per tutta l’estate. Le premesse ci sono tutte e tornano a sperare anche gli imprenditori che hanno deciso di scommettere sulle bellezze del Faito. La stagione estiva sta per arrivare e Castellammare, con la sua panarella, è pronta ad un ruolo da protagonista nel palcoscenico turistico regionale.



Share