Di Marzo è l’uomo di Area Comune. Volla al centro del nostro progetto

Guastafierro: “E’ la necessità  di mettere al centro l’interesse del paese che ci unisce. Volla deve rinascere e siamo convinti che ne ha a pieno le potenzialità"

1696

Si è tenuta nei giorni scorsi la conferenza stampa che ha visto come protagonista Pasquale Di Marzo, il candidato sindaco di Area Comune e Intesa per Volla: “Sono onorato di aver aderito alla proposta, ma anche della proposta stessa – commenta il candidato sindaco- è importante sottolineare la nostra apertura verso tutti e la condivisione totale, al di fuori di simboli dei partiti. Ci siamo preposti come obiettivo principale la normalizzazione di una situazione che oggi risulta problematica. Mi preme, inoltre, evidenziare come per noi sia importante mettere al centro dei nostri discorsi il cittadino e la città per poter regolarizzare la quotidianità di ogni singolo”.


Tra i principi cardine che animano la squadra di Di Marzo c’è il concetto della legalità da portare avanti da parte dello staff ma anche della futura amministrazione così ha dichiarato il candidato. “L’apparire deve essere tramutato in fare attraverso l’impegno fisico e morale”.

All’incontro di presentazione alla stampa erano presenti diversi componenti di Area Comune e sono stati toccate diverse delle tematiche storiche che assillano il comune di Volla. Tra i punti politici trattati l’attuale situazione politica interna: “Area Comune è un contenitore politico-culturale con dei principi fondanti ben chiari e condivisi. Questo soggetto politico ha individuato un candidato sindaco e continuerà a confrontarsi con le forze presenti sul territorio – ha affermato Luciano Manfellotti, tra i fondatori di Area Comune – il compito della volta scorsa è stato chiuso per lasciare spazio a nuovi progetti. Il comitato politico creato non esiste più, ne sarà creato uno nuovo composto dai diversi gruppi che affiancheranno il sindaco”.

Appare, invece, poco chiaro il futuro per quanto riguarda ipotetici candidati: “Area Comune – continua Manfellotti – era animata da vari esponenti, oggi chi non si rivede nella candidatura Di Marzo ha preso liberamente altre strade e può altrettanto liberamente appoggiare altri candidati alla poltrona di sindaco. Questo progetto, è nato come aggregatore dove potersi incontrare, al di fuori delle logiche dei partiti con dei principi e dei valori protesi verso il bene della città. Il suo ruolo ormai si è concluso con la candidatura di Pasquale Di Marzo”.

L’ex sindaco Angelo Guadagno
L’ex sindaco Angelo Guadagno

Intervento rilevante, quello di Angelo Guadagno, già sindaco, espressione di sinistra, della cittadina vesuviana e figura nuova in quella che inizialmente partiva come un’aggregazione di moderati di centro:  “Siamo una formazione di persone di buona volontà e di buon senso” commenta l’ex sindaco Guadagno. “In un momento storico simile, abbiamo deciso di mettere da parte le bandiere di appartenenza per ragionare sui programmi e per l’interesse della città. Questo è stato il motivo per cui non c’è stata alcuna difficoltà di dialogo. Bisogna avere il coraggio di fare un patto con la città, indipendentemente dall’appartenere politico per portare avanti progetti per la stessa. Io ci sono e i miei amici anche”.

Tra le persone presenti in sala anche Pasquale Guastafierro che con Intesa per Volla, ha appoggiato in pieno la candidatura di Di Marzo: “E’ la necessità  di mettere al centro l’interesse del paese che ci unisce. Volla deve rinascere e siamo convinti che ne ha a pieno le potenzialità. Oggi, abbiamo delle difficoltà con i partiti che antepongono la bandiera politica al rilancio di Volla che invece per noi è fondamentale. Pur avendo invitato i partiti a confrontarsi in tal senso, non abbiamo avuto risposta. Evidentemente quello che per noi è al centro del progetto, cioè il paese, per altri è il partito”. L’ultima parola è stata ancora quella del candidato sindaco: “Stiamo incontrando e ascoltando i cittadini bisogna capire le loro esigenze e metterle al centro di tutto”.

Maria Rita Borruto