Mercato del sesso a pagamento in grande crescita a Napoli e in provincia

Esisterebbe un vero e proprio tariffario del sesso: dal semplice massaggio erotico praticato da giovanissime cinesi nei tanti centri "benessere" sparsi sul territorio

3247

Mercato del sesso a pagamento in grande crescita a Napoli e in provincia: un business che muoverebbe cifre capogiro all’ombra del Vesuvio. Studentesse, casalinghe, impiegate e persino professioniste : ormai ogni categoria sociale è invischiata nel fenomeno della prostituzione. Esisterebbe un vero e proprio tariffario del sesso: dal semplice massaggio erotico praticato da giovanissime cinesi nei tanti centri benessere sparsi sul territorio alla performance di più ore (e magari più componenti) che può sfiorare anche i 1000 euro. Compenso medio per una meretrice ordinaria 50 euro: il contatto con le signore del sesso a pagamento avverrebbe attraverso siti specializzati e persino associazioni ( operanti per copertura nel sociale) che consentirebbero ai clienti di entrare rapidamente in contatto con le meretrici senza destare sospetti .




La camorra garantirebbe una certa tranquillità alle donnine allegre in cambio di una tassa per la sicurezza da versare con scadenza mensile: cifra che varierebbe a seconda della zona in cui la prostituta opera, del livello della clientela con la quale interagisce e soprattutto dall’appartenenza della stessa a noti pregiudicati del sistema. Si parlerebbe di oltre 90 case di appuntamento nascoste in città gestite da napoletani e stranieri in ogni caso legati al crimine organizzato: secondo alcune indiscrezioni nella zona di Fuorigrotta e del Vomero sarebbe aumentato il numero di prostitute studentesse appena maggiorenni. Matricole universitarie che per potersi permettere abiti graffati e cellulare alla moda incontrerebbero in squallidi alberghetti noti commercianti, professionisti d’età e persino appartenenti al clero. In alcuni casi gli incontri hard sarebbero “conditi” dall’uso di sostanze stupefacenti con particolare riferimento alla cocaina.




Per comprendere la portata di un fenomeno forse sottovalutato dalle istituzioni non mancano esempi eclatanti in città: prostitute di colore all’imbrunire esercitano indisturbate in uno spiazzo situato proprio di fronte al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo sito in via Terracina. Alcune fonti vicine alle forze dell’ordine racconterebbero di indagini che avrebbero evidenziato come in alcuni casi a spingere le ragazze alla prostituzione siano le stesse mamme e di come in altri le famiglie sembrino incredibilmente non chiedersi come faccia una studentessa 18enne a mantenere un tenore di vita così elevato. Della serie: tanto, troppo sesso a pagamento sotto gli occhi di istituzioni forse prese da altre priorità per dar peso alla cosa.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteAgerola: si rinnova l’appuntamento con Sulla Via della Croce
SuccessivoVolla, Petrone: “Di Marzo uomo di Guastafierro. Mai con Area Comune”
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.