Incendio allo Stir di Casalduni: ecoballe date alle fiamme

"Un fatto che lascia senza parole", commenta Claudio Ricci, presidente della Provincia di Benevento. Rabbia viene espressa anche dal sindaco di Casalduni Pasquale Iacovella

0
345

Incendio allo Stir di Casalduni: ecoballe date alle fiamme. Sono stati al lavoro per tutta la notte i vigili del fuoco per domare le fiamme che hanno mandato in fumo centinaia di eco balle nell’impianto dello Stir di Casalduni. Sull’accaduto indagano i carabinieri che si avvarranno anche dell’ausilio delle registrazioni dell’impianto di videosorveglianza che monitora l’area sulla quale da 13 anni sono depositate le ecoballe.




“Un fatto che lascia senza parole”, commenta Claudio Ricci, presidente della Provincia di Benevento. Rabbia viene espressa anche dal sindaco di Casalduni Pasquale Iacovella, presente si da ieri allo Stir, area sulla quale dovrebbe sorgere un biodigestore per potenziare l’impianto sannita che, attualmente, lavora solo la frazione indifferenziata. L’incendio però ha allarmato non solo gli amministratori della zona ma anche la gente che popola la vasta area che circonda l’impianto.

“L’incendio allo Stir di Casalduni è l’ennesimo campanello di allarme di una situazione che la Giunta regionale fa fatica a controllare. Si tratta di un episodio purtroppo non isolato, dopo i roghi verificatisi un anno fa a Taverna del Re ed alla discarica in località Lo Spesso a Villa Literno. Le forze dell’ordine faranno piena luce su cause e responsabilità, ma c’è anche una valutazione politica da fare e riguarda ancora una volta la gestione del piano di smaltimento delle ecoballe da parte dell’esecutivo regionale. I ritardi rispetto al cronoprogramma sono stati ormai accertati su tutti i fronti. E’ ora che la Giunta prenda atto che l’emergenza è stata affrontata male e che questo piano di risolutore ha davvero ben poco”. Lo ha dichiarato il Presidente della Commissione ‘Terra dei Fuochi’ del Consiglio regionale della Campania, Gianpiero Zinzi.