Ercolano, arriva l’adesivo per i negozi disabili friendly

"Ho realizzato questo logo che presto sarà un adesivo che potrete trovare sulle vetrine dei negozi che aderiranno e che potranno accogliere i diversamente abili"

0
1090

“Ho realizzato questo logo che presto sarà un adesivo che potrete trovare sulle vetrine dei negozi che aderiranno e che potranno accogliere i diversamente abili. Gli esercizi commerciali che vorranno far parte gratuitamente (requisiti permettendo) di un circuito online, possono contattarmi in rete o via mail (ercolanoviva@gmail.com). Non è un operazione commerciale ne politica, ma un piccolo gesto che ci riscatta dalla superficialità con la quale affrontiamo problemi che spesso crediamo lontani da noi.

Ho trascorso gli ultimi due giorni con l’intento di trovare il modo per scusarmi con tutti quelli che vivono il disagio di vivere su una carrozzella, o con tutti quegli anziani che con fatica vivono accompagnandosi con un bastone. Parlo di “SCUSE” perché un imprenditore dovrebbe capire che non va preclusa a nessuno la vivibilità sociale di un esercizio commerciale, tutti devono potervi accedere ed avere la possibilità di vedere e scegliere.




Ecco allora la scelta di trasformare l’ingresso di un negozio adeguandolo con una rampa per l’accesso facilitato ai portatori di handicap. Forse non cambierà le sorti di nessuno ma almeno io non vivrò più il dispiacere di lasciare qualcuno fuori”.

Questo il messaggio pubblicato su un noto social network da Ciro Santoro, l’imprenditore ercolanese impegnato nell’associazionismo, da sempre in prima linea nella difesa del territorio con particolare riferimento alle fasce più esposte della comunità. Una persona umile, concreta e per bene determinata a “fare” dove altri forse per troppo tempo si sono limitati a criticare passivamente. Per Ciro Santoro determinante è sensibilizzare l’opinione pubblica al fine di attivare una reazione concreta da parte dei cittadini in favore della causa: ognuno nel rispetto dei ruoli e delle possibilità è chiamato ad offrire il proprio contributo al rinnovamento di una realtà urbana dalle potenzialità incommensurabili. Un plauso quindi alla concretezza e all’efficienza di Ciro Santoro , vicino alla politica del “fare” e lontano dai disfattismi cronici che nulla di buono hanno prodotto negli anni per la cittadina degli scavi.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteCastellammare, camorra in fermento: Luigi D’Alessandro lascia il carcere dopo 30 anni
SuccessivoAntonio Pascuzzo ucciso per questioni di droga: confessa 18enne di Buonabitacolo
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.