Torre Annunziata, crollo al Vallone. L’appello del sindaco: «segnalate i danni strutturali»

0
795
torre annunziata vallone

Ancora crolli a Torre Annunziata, evitata la tragedia al rione Vallone. Sabato sera, intorno alle 21.30 ha ceduto un solaio di una palazzina tra via Pagano e vico Monteleone. Travolta la camera da letto di due coniugi, vivi per miracolo. Poco prima del cedimento, infatti, erano usciti dalla stanza per spostarsi in cucina.




Sentito il boato, sono scappati dall’immobile. In seguito al sopralluogo di polizia municipale, carabinieri e vigili del fuoco, le due famiglie residenti, in totale sette persone, sono state sfollate.

La coppia che ha subito il crollo sarà ospitata in un b&b individuato dal Comune. Ieri mattina, il sindaco Vincenzo Ascione, insieme al vicesindaco Gaetano Veltro, all’assessore ai Lavori Pubblici Luigi Ammendola e al dirigente dell’Ufficio Tecnico Nunzio Ariano si è recato sul posto per verificare l’entità del danno. Presente anche il proprietario del palazzo, residente fuori città, ma rientrato con urgenza a Torre.




«Per fortuna – ha affermato il primo cittadino – il crollo del solaio non ha causato danni a persone. Il patrimonio immobiliare della città, soprattutto nel centro storico, presenta non poche criticità. Pertanto, rivolgo un appello a tutti i proprietari degli edifici a rischio affinché segnalino all’UTC eventuali problemi strutturali. Inoltre, già dall’anno scorso, con la Legge di Bilancio 2017, il governo ha introdotto le agevolazioni fiscali “Casa Sicura” che permettono di detrarre, in cinque anni, fino all’85 per cento delle spese sostenute per l’adeguamento strutturale dell’immobile, per un massimo di 96mila euro. Infine – ha concluso Ascione – quest’anno, con l’approvazione del PUC (Piano Urbanistico Comunale) sarà introdotto il “fascicolo del fabbricato”, dove saranno annotate le informazioni di ogni singolo edificio».