Castellammare, Udc e Rivoluzione Cristiana si uniscono: nasce la lista “Noi per Stabia”

"Questo accordo rappresenta l'inizio di un percorso lungo e fruttuoso per la città"

539

elezioni comunali pimonteUdc e Rivoluzione Cristiana, due partiti simili uniti per un progetto comune per Castellammare di Stabia. Nella città delle acque che si accinge ad andare al voto, l’area cristiana decide di scendere in campo con un’unica lista.

L’accordo è stato sottoscritto dai commissari cittadini dell’Udc, Salvatore Amitrano e Vincenzo Schettino, e dal coordinatore d’area di Rivoluzione Cristiana, Stefano Di Martino. I due partiti cattolici hanno da sempre avuto intenzioni comuni; hanno guardato con lo stesso occhio attento i problemi storici e a Castellammare hanno deciso di unire la loro voce presentando una lista comune per le prossime elezioni comunali.

“Questo accordo rappresenta l’inizio di un percorso lungo e fruttuoso per la città. Si tratta dell’inizio di un grande progetto per alzare il volume su tematiche care ai cattolici, ad esempio la famiglia – spiegano -. Si chiamerà “Noi per Stabia” e prevede quindi la fusione dei due partiti già tanto vicini a livello nazionale. La speranza è che l’unione sia duratura nel tempo al fine di portare avanti il progetto a lungo termine. Udc e Rivoluzione cristiana intendono essere determinanti per la costruzione di un sano centrodestra stabiese, alternativo ad una sinistra ormai sgretolata e in piena crisi”.

“La vittoria del centrodestra in Molise e in Friuli può sicuramente rappresentare la conferma che, anche per Castellammare, la presenza dei cristiani uniti deve e può essere occasione determinante per affrontare in modo giusto tematiche tanto care agli stabiesi” concludono Amitrano, Schettino e Di Martino.

Share