Boscoreale: è Pasquale Di Lauro il candidato sindaco di Cortocircuito

Di Lauro attacca: "Quello che gli avversari stanno firmando a Boscoreale è un patto di malattia pubblica, altro che salute pubblica”

1116

Mentre gli altri schieramenti sono ancora in alto mare CortoCircuito scende in campo a Boscoreale e presenta il suo Sindaco: Pasquale Di Lauro, avvocato cinquantaseienne, civilista, sposato, con due figli. La scelta di Di Lauro è stata ufficializzata qualche ora fa nella sede che il gruppo politico ha aperto proprio difronte al “Palazzo”, in via Sottotenente Ernesto Cirillo. Una candidatura, quella dell’avvocato che può essere considerata come il punto d’arrivo di un percorso politico – consultivo che in quasi tre mesi di incontri e dibattiti ha visto alla fine convergere sulla figura del professionista stimato tutti i “grandi elettori” che fanno parte dello schieramento. Insomma, ancora una volta CortoCircuito si è mosso prima degli altri cercando di prendere sulle “vele” il vento favorevole di un elettorato “arrabbiato” (e si tratta solo di un eufemismo) nei confronti di una politica fallimentare.




«Noi di CortoCircuito – scrissero gli organi della direzione in un documento di denuncia, qualche mese fa – abbiamo l’orgoglio di esserci mossi per primi a mostrare i fallimenti dell’attuale e della precedente amministrazione, ma rimaniamo ancor di più sgomenti e indignati perché, ancora una volta, invece di porre rimedio alla gravità della situazione sociale ed economica, siamo fermi alle presunzioni individuali e ai tatticismi. Vogliamo proporre alla città un’idea di politica completamente diversa, costruita dalla comunità e basata sulla partecipazione di tutti. Diciamo BASTA! A tutto questo».

Lo schieramento che si contrapporrà ai gruppi scenderanno in campo per la tornata elettorale del giugno prossimo è fatto da tre associazioni di base: «Il Melograno» di Nicola Marano, «Agorà – Acli», di Bruno Cammarota, «Guernica», di Sergio D’Alessio e l’Associazione consumatori; il nuovo soggetto socio – politico può contare dunque su una quarantina di adesioni qualificate e con un retroterra politico di tutto rispetto, come nel caso di Raffaele Pisacane, Luigi Buffone, Enzo Marra, Lello D’Errico, Luigi Ardizio, tra gli altri. Se poi si considera che CortoCircuito si è alleato con CittaNuova, allora l’impatto che l’intero schieramento potrà avere sulla competizione elettorale è di sicuro dirompente. Chi dovrà fronteggiare e quali candidati, però, non è ancora dato saperlo, ora. Tra i “si dice”, le chiacchiere per spiazzare gli avversari, le dimissioni date e ritirate dal sindaco uscente Giuseppe Balzano, quello che sostiene Pasquale Di Lauro è l’unico gruppo che oggi si mostra compatto e concreto.




«Questo che stiamo vivendo è uno dei momenti più difficili della nostra Boscoreale» ha sottolineato Di Lauro, continuando nell’analisi della situazione globale e di quanto dovrà essere fatto per salvare la città dal baratro in cui è caduta da un decennio a questa parte. «Parlano di un patto di salute pubblica ha rimarcato l’avvocato – io credo invece che il loro sia un patto di malattia pubblica, un patto di malapolitca che noi stiamo cercando di combattere e che sconfiggeremo assieme a tutti i cittadini di Boscoreale che convergeranno sul nostro programma».

Alfredo Sorrentino

Share