Ottaviano celebra il patrono San Michele

Cinque giorni di festa con il tradizionale volo degli angeli e le specialità enogastronomiche del luogo

0
5115

Ancora qualche giorno e poi sarà festa, a Ottaviano. La Festa. Prenderanno il via, difatti, domenica sei maggio i solenni festeggiamenti in onore del santo protettore della cittadina vesuviana. Si parte con un calendario ricco di eventi: alle 8 e 30 di domenica prende il via la SkyVesuvio Maraton doppia competizione sulla distanza classica dei 42 chilometri, e della mezza maratone, 21 chilometri. Quindi, aprirà le porte al pubblico il Palazzo Mediceo con le sue preziose decorazioni e l’architettura caratteristica. A farla da padrone, tuttavia, sarà l’intero centro storico con i sui cortili, le sue stradine e le chiese. Oltre, ovviamente, al territorio del Parco Nazionale del Vesuvio con la sua flora e fauna.





Alle diciannove di domenica, invece è prevista l’accensione delle «luci d’arte». Insomma, come si dice in paese: a «Ottaviano su tutto si può scherzare tranne che sulla festa in onore del Santo Patrono». Anche perché alle tradizioni culturali si sommano quelle gastronomiche che sono particolarmente seguite come la «pasta e piselli del Somma-Vesuvio», i carciofi arrostiti e insaporiti con uno spruzzo di Catalanesca. Tutto concorre a mostrare il legame forte che tiene unita il popolo di Ottaviano con il “suo” santo: Michele, che nei momenti difficili di carestia oppure nel corso delle violente eruzioni del Somma Vesuvio avrebbe sempre steso il suo manto protettivo sul paese e sui suoi abitanti.




La processione con il volo degli angeli è il fulcro della festa da quando la famiglia Duraccio, un secolo fa, con il capostipite Giovanni si occupò del primo “volo”. Ricco il programma: lunedi alle 21, ci sarà Gianluca Capozzi in concerto; per mentre martedi otto, alle ore 11, sono previste la Santa Messa e a seguire la processione e il volo degli Angeli. Mercoledi 9, alle 21, Enzo Fischietti e le “Vibrazioni” in concerto.

Romilda Barbato