Castellammare al voto, cinque i candidati sindaco. Sabato la consegna delle liste

Domani potrebbe aggiungersi anche uno tra Tonino Scala e Carlo Eresiarco in quota Liberi e Uguali che correranno da soli

518

opposizioniSaranno cinque, forse sei, i candidati sindaco per la città di Castellammare di Stabia. Gaetano Cimmino (coalizione di centrodestra), Massimo De Angelis (coalizione di centrosinistra), Andrea Di Martino (coalizione di civiche, Grande Centro), Francesco Nappi (Movimento 5 Stelle), Olimpia De Simone (La Città Armonica). A questi si dovrebbe aggiungere il candidato di Liberi e Uguali che dovrebbe essere uno tra Tonino Scala e Carlo Eresiarco. E’ quasi tutto pronto per la campagna elettorale stabiese che si preannuncia infuocata, soprattutto per i colpi di scena nello schieramento del centrosinistra.

Centrodestra

Il centrodestra ha confermato le indiscrezioni delle ultime ore e darà il pieno sostegno a Gaetano Cimmino. Potrà contare sull’appoggio sia di Forza Italia che di Noi con Salvini e Fratelli d’Italia. Ad incrementare la coalizione ci sono anche altre sei liste civiche tra cui spicca anche l’Udc. Dopo diversi tentennamenti, solamente ieri è arrivata l’ufficialità di Cimmino candidato sindaco.

Centrosinistra

La sorpresa di queste elezioni arriva proprio dal Pd. Il segretario Nicola Corrado è riuscito a chiudere un accordo con Massimo De Angelis che a lungo è stato il rivale numero uno di Cimmino per il centrodestra. I Dem quindi si aprono alle larghe intese e rifiutano la nuova candidatura di Antonio Pannullo (sindaco uscente) che dovrà quindi accontentarsi di un posto in lista. La decisione di affidare a De Angelis il ruolo di leader, dopo i suoi trascorsi a destra, non ha accontentato tutti.

Movimento 5 Stelle

Sono stati i primi a presentare lista e candidato sindaco. Nelle ultime settimane hanno assistito da spettatori ai litigi nei partiti per la scelta della coalizione. Forti del 48% raggiunto alle politiche, ora i grillini sono pronti a ripartire puntando diritto a Palazzo Farnese. Due anni fa scrissero la storia portando due consiglieri in assise, ora ambiscono alla carica più importante.

Le civiche

Sarà Andrea Di Martino il candidato sindaco della coalizione di Grande Centro. L’ex vicesindaco della giunta Pannullo ha deciso di sposare il progetto di alcune civiche che per la prima volta non appoggeranno nessun grande partito. Una scommessa importante considerato che Antonio Alfano e Eutalia Esposito con i propri voti hanno sempre indirizzato le vittorie elettorali dei rispettivi schieramenti. Potrebbero essere loro uno degli avversari da battere.

La Città Armonica

E’ questa la novità di giornata. Olimpia De Simone candidata sindaco con una sola lista, la Città Armonica, senza l’appoggio del Pd. Quest’ultima ha deciso di correre da sola dopo l’apertura dei Dem a Massimo De Angelis, affidando di fatto la carica di candidato sindaco ad un ex membro di Fratelli d’Italia. La Città Armonica si presenterà domani alla città in una riunione al Montil.

Leu?

Infine manca all’appello Liberi e Uguali. Laura Della Monica, coordinatrice locale, ha confermato la candidatura autonoma di LeU con un proprio candidato sindaco che non è stato ancora ufficializzato. Dovrebbe essere, secondo quanto si apprende, uno tra Tonino Scala e Carlo Eresiarco. Anche in questo caso il nodo sarà sciolto domani.

Share