Castellammare ospita il “IV° Raduno 51° Corso Allievi Guardie di P.S.” della scuola di Alessandria 1977 – 78

Quest’anno i poliziotti che mezzo secolo fa si sono formati nella celebre Scuola di Polizia di Alessandria, hanno scelto come luogo di incontro la Campania, la nostra Costiera Amalfitana

0
2563

Anche quest’anno si terrà l’ormai tradizionale raduno di tutti gli appartenenti del 51°” Corso Allievi Guardie di Pubblica Sicurezza”. Oramai giunto alla 4° edizione, dopo gli incontri di Senigallia, Marsala e di nuovo Senigallia, quest’anno i poliziotti che mezzo secolo fa si sono formati nella celebre Scuola di Polizia di Alessandria, hanno scelto come luogo di incontro la Campania , la nostra Costiera Amalfitana. La scuola di Alessandria è stata la medesima ove tra gli altri, si sono formati ed addestrati servitori della patria del calibro di Raffaele Iozzino, di Casola, arruolato nel’71 , Medaglia d’Oro al Valor Civile e vittima del dovere, caduto nel corso del rapimento dell’onorevole Aldo Moro in via Fani, per il quale prestava servizio di scorta.






Il motto dell’incontro e del ritrovo sarà “Amici per Sempre”, e si terrà da venerdì 18 a domenica 20 maggio. Parteciperanno anche le consorti degli ex “allievi Guardie di P.S.” e sarà occasione oltre di conviviale festeggiamento, di visita degli splendidi luoghi della costiera, anche di confronto e dibattito; ciascun poliziotto che ha iniziato la propria carriera ad Alessandria racconterà la sua esperienza nella Polizia di Stato, dando modo di proficuo confronto e di accrescimento professionale e soprattutto occasione per preservare la memoria di agenti, assistenti, sovrintendenti, ispettori, commissari e funzionari che hanno prestato la propria opera in tutta Italia nel corso di eventi difficili che la nostra patria ha affrontato: dalla lotta al terrorismo durante glia anni di piombo a quello alle diverse mafie e, non ultimo, l’impegno quotidiano per salvaguardare l’incolumità dei cittadini anche da “poliziotti di quartiere”, “Falchi” o a bordo delle volanti-le celebri” Pantere” ma anche da operatori della “Ferroviaria”, della “Squadra Mobile”, della “Postale e delle Comunicazioni”.

I partecipanti, che come sottolineato giungeranno da tutt’Italia, il giorno 18 saranno accolti e sistemati nelle strutture ricettive adiacenti alla località di Castellammare di Stabia. A seguire una visita guidata presso il Castello di Lettere, antica fortezza militare del ducato di Amalfi, successivamente passato sotto il dominio dei Normanni, che ampliarono la fortezza con stile romanico costruendo al suo interno una cattedrale.
Sabato 19, in mattinata, poliziotti e consorti godranno di un giro nel bellissimo diadema della Costiera Amalfitana, con soste a Castellammare di Stabia, Vico Equense, Meta di Sorrento, Sorrento, Sant’Agata dei due golfi, Positano, Amalfi, Agerola. Termine l’escursione, alle ore 18:45 ci sarà la messa in onore dei caduti della P.S. nel Sagrato del Santuario di Sant’Anna in Lettere per la partecipazione alla Celebrazione Eucaristica di commemorazione, officiata alla presenza delle massime Autorità civili e militari, nonché del sindaco di Lettere Sebastiano Giordano. In serata la cena di gala presso il ristorante “ Il Fontaniere “, ove saranno consegnate le pergamene commemorative. Sarà possibile, nel corso delle giornate, anche assaporare delizie culinarie della nostra zona, fritti misti con specialità napoletane, le pizze nostrane, il celebre “ panuozzo”, le “zeppolelle”, le tradizionali sfogliatelle napoletane-riccia e frolla-, il babà.




Domenica 20 visita agli scavi di Pompei ed alla Basilica Madonna di Pompei, sotto la cui aura è la ona pompeiana, fondata dal Beato Bartolo Longo. Al termine della giornata saluto conviviale tra tutti i partecipanti con l’arrivederci al prossimo V° Raduno Nazionale dei partecipanti al 51° Corso Allievi Guardie di Pubblica Sicurezza di Alessandria.
“Quest’anno il raduno sarà davvero intenso” afferma il presidente, l’ex allievo Francesco Festinese, che prosegue “avremo la fortuna di avere a disposizione le perle della cultura partenopea e campana, orgoglio mondiale del turismo”.

Giovanni Di Rubba