Torre Annunziata, cisterne: richiesta audizione urgente in commissione regionale all’Ambiente

1903

Un’audizione urgente in commissione Ambiente è quanto ha chiesto il consigliere regionale di Forza Italia Flora Beneduce per le cisterne in costruzione nel porto di Torre Annunziata.

«Non c’è fine al degrado della Salera. – ha spiegato la forzista – Se da un lato il Comune approva il progetto definitivo per la riqualificazione ambientale dell’area, dall’altro non rigetta la richiesta della Isecold per l’installazione di due nuovi silos». Atteggiamenti che vanno in direzioni opposte.

«Sono noti i danni provocati dalle cisterne: l’inquinamento delle falde acquifere superficiali da tetracloroetilene ha effetti devastanti per la salute e per l’ecosistema. Il litorale oplontino è esposto al degrado e al pericolo. Gli idrocarburi stipati possono trasformarsi in potenziali atmosfere esplosive. Una situazione da non sottovalutare per gravità e per pericolosità. Il confronto in commissione Ambiente servirà a chiarire definitivamente le posizioni e per ribadire che la sostenibilità ambientale è un principio che va di pari passo con le opere che vengono autorizzate sui territori», ha concluso Beneduce.

Nel frattempo, la continuano i lavori per le due strutture nonostante le polemiche delle ultime settimane che hanno visto lo scontro tra cittadini torresi, contrari ai silos, e amministrazione comunale.