Truffa di ricette mediche: 23 indagati tra Boscoreale, Boscotrecase e Torre Annunziata

4081

Ventitré medici e tre farmacie tra Torre Annunziata, Boscoreale e Boscotrecase. Sono i numeri contenuti in un’inchiesta della procura oplontina. La guardia di finanza ha ricostruito una maxi truffa di ricette mediche ai danni del sistema sanitario nazionale. Utilizzavano i codici fiscali di pazienti che in vita erano esentati dal pagamento di ticket per riempire le prescrizioni. Delle centomila controllate, almeno un centinaio sarebbero risultate anomale. Un danno di circa 30mila euro per le casse dell’asl.

Al centro dell’affare le esenzioni a nome di diabetici, cardiopatici e affetti da malattie invalidanti. Dai controlli sarebbe emersa addirittura la somministrazione di ossigeno ad una persona morta sei anni fa e di cure termali ad ultra centenari scomparsi.

Le indagini delle fiamme gialle, partite dopo una segnalazione pervenuta dall’area boschese, continuano: non è escluso che l’area del raggiro possa allargarsi e che altri medici e farmacisti, ma anche familiari di pazienti defunti possano essere iscritti nel registro degli indagati.

Share