Lo stabiese Angelo Longobardi vince la medaglia d’argento ai mondiali di taekwondo

Longobardi è stato definito dagli esperti di Taekwondo un fenomeno naturale, sul tatami, freddo e impassibile

1225

Dal 1 giugno al 3 giugno Roma è divenuta la Capitale del Taekwondo mondiale 15.000 appassionati provenienti da tutto il mondo hanno invaso il parco del Foro Italico. Il presidente federale della FITA Angelo Cito è riuscito a portare per la prima volta in Italia un evento di portata mondiale il “Roma 2018 World Taekwondo Grand Prix “.
Nello stadio Nicola Pietrangeli si sono sfidati i migliori atleti del mondo (256 atleti) provenienti da 51 paesi , per conquistare i punti necessari per il ranking per l’accesso alle prossime Olimpiadi.

La cerimonia è iniziata il 31 maggio con l’udienza del Santo Padre che ha portato un emozionante messaggio di pace. La presentazione del Grand Prix si è svolta presso il salone d’onore del CONI , alla presenza del presidente del Comitato Olimpico , Giovanni Malagò, di quello della WT. Chungwon Chouse e di quello della FITA , Angelo Cito. Un successo straordinario che segna una svolta del taekwondo italiano che lo proietta nelle stelle del firmamento del taekwondo mondiale.

La manifestazione si è svolta contemporaneamente al grande evento internazionale il Kim & Liù , rivolto ai bambini fino a 12 anni , dove oltre 2000 piccoli atleti si sono dati battaglia su dieci campi da gara. Anche le squadre campane , in rappresentanza della FITA Campania diretta dal presidente Domenico Laezza sono intervenute numerose ed hanno schierato sul campo gli atleti più forti e prestigiosi. Ancora una volta il quattro volte Campione italiano ed Internazionale, Angelo Longobardi ha conquistato una prestigiosa medaglia d’argento sostenendo ben quattro combattimenti vinti tutti x KO tecnico, nella categoria – 37 KG. CADETTI B.

Longobardi è stato definito dagli esperti di Taekwondo un fenomeno naturale, sul tatami, freddo e impassibile, dotato di una velocità e di una potenza indescrivibile, sempre capace di dare il meglio di se stesso, incute timore agli avversari nonostante la sua inestimabile correttezza e il rispetto che porta per chi gli sta difronte. In ovunque luogo in cui gareggia è sempre l’atleta che tutti sognano di battere. Il campione stabiese è allenato da sempre dal maestro Benedetto Marano di Torre Annunziata, un connubio fantastico che ha trovato un forte e duraduro legame sul tatami e nella vita.

Il campione stabiese detiene un palmares impressionante, e nonostante la sua giovane età ha conquistato sin dalla tenera età di cinque anni , tutti i Campionati Interregionali indetti dalla FITA Campania, numerose medaglie d’oro in altri inerregionali e ben 4 ori nazionali e 2 argento. Chiude il suo mostruoso palmares con 4 ori internazionali e 2 argento. Longobardi e i suoi fratelli Domenico e Roberto Longobardi, cinture nere II DAN, qualche anno fa sono stati insigniti con il premio “al merito sportivo “ dal Comune di S. Maria La Carità. Tra pochi mesi, precisamente a Gennaio 2019 Angelo Longobardi, detto il giaguaro, compirà gli anni per passare nella Categoria Cadetti A e avrà la possibilità di conquistare un prestigioso posto in Nazionale.