Castellammare al ballottaggio, Cimmino vs Di Martino: chi vincerà?

Saranno ore decisive quelle che separano i due candidati sindaco dalla vittoria finale che potrebbe arrivare per pochissimi voti

0
364

opposizioniMancano circa 10 giorni al ballottaggio del 24 giugno e Gaetano Cimmino e Andrea Di Martino sono pronti per ripartire con la campagna elettorale. Saranno ore decisive quelle che separano i due candidati sindaco dalla vittoria finale che potrebbe arrivare per pochissimi voti. In queste settimane potrebbero nascere anche eventuali alleanze che al momento sono in fase di studio. Difficilmente, però, questi accordi diventeranno ufficiali.

Chi si è tirato fuori da un possibile accordo per il ballottaggio è solamente il MoVimento 5 Stelle che storicamente non ha mai stretto alleanze con nessuno. Discorso diverso per Liberi e Uguali che ieri sera si sono riuniti in assemblea per decidere il futuro. Le decisioni saranno rese note oggi. Determinante saranno i voti della coalizione di Massimo De Angelis il quale, essendo stato sconfitto per pochissime preferenze al primo turno, ha richiesto anche il riconteggio dei voti. Tra lui e Andrea Di Martino ballano circa 100 voti di differenza, 100 voti che potrebbero riammetterlo con un ricorso al ballottaggio.

Se ciò non dovesse accadere saranno determinanti i voti del Partito Democratico e delle liste a sostegno di Massimo De Angelis che potrebbero scegliere di votare Gaetano Cimmino oppure l’ex dirigente Dem come Andrea Di Martino che ha deciso di candidarsi con liste di sole civiche. Tuttavia nelle prossime ore potrebbero esserci maggiori novità in merito mentre la città si appresta al secondo turno elettorale dove dovrà decidere il candidato che poi diventerà sindaco di Castellammare.

Forte dello scarto al primo turno – circa 3000 voti di differenza tra lui e i suoi competitor – Gaetano Cimmino è quello più accreditato per la vittoria finale ma nelle prossime due settimane tutto può accadere, anche in relazione al fatto che saranno gli indecisi e le coalizioni perdenti a determinare la vittoria dell’uno o dell’altro.