Liceo di Volla, con un comunicato l’Udc ricorda i propri meriti

"Occorre in breve ricordare che l’idea fu partorita nell’anno 2006 dai dirigenti e i giovani della locale sezione"

1043

Con un comunicato stampa Pasquale Petrone, ex presidente del consiglio comunale durante l’amministrazione del sindaco Salvatore Ricci a nome dell’Udc di Volla sottolinea la soddisfazione di tutto il partito centrista e sua personale per il risultato raggiunto relativo alla costruzione del Liceo cittadino.

Così recita la nota stampa: “E’ stato pubblicato il  permesso a costruire del 27 giugno  del comune di Volla per la realizzazione del nuovo edificio del liceo scolastico ad opera della Città Metropolitana di Napoli. Si tratta di uno dei tanti adempimenti amministrativi che porteranno ancora tra qualche anno alla costruzione del nuovo edificio, per dotare Volla di una struttura autonoma e finalmente adeguata.

Notiamo con piacere che puntualmente ad ogni atto amministrativo prodotto dai vari enti sull’argomento, si scatenano sempre una miriade di dichiarazioni per rivendicare l’interessamento dei vari amministratori succedutesi dall’anno 2006 ad oggi. In taluni casi però, ci si appropria di una primogenitura e quasi un esclusivo interessamento che ad onor del vero stride con la realtà dei fatti, motivo per il quale intendiamo fare un po’ di chiarezza, anche per il rispetto ed il lavoro dei tanti amici all’epoca dell’Udc e non che in questi anni hanno lavorato per la realizzazione di questa buona idea.

Occorre in breve ricordare che l’idea fu partorita nell’anno 2006 dai dirigenti e i giovani della locale sez. dell’Udc Volla, che si fecero promotori di una petizione popolare con la quale si invitavano i cittadini a sottoscrivere la proposta di portare finalmente a Volla un istituto scolastico superiore, cosi da consentire ai nostri giovani di non spostarsi in altre località.

La petizione ebbe un gran riscontro con centinaia di firme dei vollesi con il merito di essere anche propositiva, individuando il plesso di via Filichito allora in disuso, quale sede dello stesso. Gli allora commissari prefettizi accolsero favorevolmente la nostra richiesta e si impegnarono a far si che quell’edificio non fosse destinato ad altri scopi, cosi come si paventava.

La petizione fu, inoltre, portata a conoscenza dell’Amministrazione Provinciale di Napoli ed in particolare dell’Assessore alla Pubblica Istruzione dell’epoca tramite i consiglieri provinciali dell’Udc, che ottennero rassicurazioni  affinchè nel relativo piano di riorganizzazione della rete scolastica prevista per l’anno 2008/2009, fosse inserito anche il comune di Volla  e con l’impegno a inserire nel piano triennale delle opere pubbliche della provincia il finanziamento per la costruzione del nuovo edificio. Un lungo iter burocratico è seguito nel tempo poi per l’individuazione delle aree, per la progettazione, per i finanziamenti a rischio, per gli indennizzi dei suoli, etc., seguito con attenzione da tutti gli amministratori susseguitisi e che dovrà ancora continuare con la materiale costruzione dell’opera a cui ci auguriamo che la nascente amministrazione vorrà dare ulteriore impulso.

In questi anni abbiamo continuato a seguire e sollecitare l’iter per la costruzione del nuovo edificio attraverso i nostri rappresentanti politici, cosi come faremo per il futuro.

Vogliamo con questo comunicato riconoscere il lavoro svolto dai vari Sindaci a cominciare da Salvatore Ricci che a suo tempo anche in qualità di consigliere provinciale seppe dare impulso presso l’ente provinciale, cosi come i sindaci Guadagno e Viscovo,  nonchè i commissari prefettizi che hanno continuato a seguire positivamente il progetto.

E’questa la politica che ci piace a differenza di chi è sempre preso a stravolgere la realtà per propri fini di parte, ci piace la politica buona, quella che sa mettere in campo Idee utili allo sviluppo ed al progresso civile. Quella del liceo a suo tempo è stata una buona idea per dare a questo paese strutture per la crescita e la vivibilità, cosa che ci auguriamo che anche per il futuro possa avvenire per tutto quello che purtroppo ancora manca nel nostro paese”.

Share