Al via l’evento più atteso dai piccoli letteresi: le Miniolimpiadi

Il vicesindaco Vuolo: "Le esperienze delle Miniolimpiadi, vissute nel rispetto delle regole e del fair play, portano e porteranno senz’altro all’apertura verso la cultura dello sport"

0
250

Venerdì scorso a piazza Roma si è dato l’avvio all’evento più atteso dai piccoli letteresi: le Miniolimpiadi.
Un evento organizzato oramai da anni sul territorio comunale, più precisamente correva l’anno 2012 quando l’attuale vice sindaco Vuolo diede il via all’attuazione dei primi giochi coinvolgendo gran parte dei ragazzi del posto.
L’amministrazione comunale, in collaborazione con la Pro loco, anche quest’anno si è impegnata nel garantire la manifestazione, mettendo in campo più attori già dalla prima giornata.

Presenti all’inaugurazione il sindaco Sebastiano Giordano ed il presidente della Pro loco Dr. Antonio Ruocco, insieme alla consigliera con delega alle politiche giovanili Sorrentino Emanuela ed al vice sindaco e assessore allo sport Gerardo Vuolo.
“Quest’anno si è concepita la manifestazione pensandola attraverso Lettere, o meglio attraversando Lettere. L’evento è divenuto ogni anno sempre più atteso e d’accordo con gli enti e gli esperti coinvolti abbiamo valutato un percorso itinerante, che desse spazio anche ad altre zone del paese”, così ha aggiunto il primo cittadino di Lettere.

All’incontro in p.zza Roma, dove ha sede il santuario di S.Anna, si è vista una buona partecipazione di bambini di tutte le età.
A fare da cornice alla presentazione dell’evento i balli coreografici della Associazione Dirty Dancing ed alcuni giochi di strada curati dalla rappresentante della Funny Animation Giusy Porzio, che nei giorni a seguire coordinerà le attività di animazione.

Andrea Ippolito, si è occupato della descrizione dei giochi e del regolamento delle attività, aggiungendo: “Le attività ludico-motorie, come le attività sportive, vanno senz’altro rivalutate, non solo come fonte di apprendimento individuale e collettivo, ma anche come strumento per strutturare e rafforzare i legami sociali. Nella società della millennial generation, dove non c’è più tempo né volontà per la pratica sportiva e per vivere spazi all’aperto, avere e ricevere l’opportunità di potersi appassionare ai giochi motori e sportivi è qualcosa di nobile e da cogliere senza indugio”.

Dopo la raccolta delle adesioni e quindi delle iscrizioni sono state consegnate le t-shirt colorate ad ogni squadra e si è dato il via alla corsa con i sacchi e al tiro alla fune.

La consigliera Sorrentino entusiasta ha così commentato: “È sempre un esperienza formativa per i bambini ed i giovani di una città vivere lo sport all’interno delle piazze e dei luoghi della propria città, questo dà la possibilità a tutti di percepire quel senso di appartenenza che noi intendiamo diffondere”.

La Funny Animation, dopo la benedizione del parroco della chiesa monumentale di S.Anna, ha poi consegnato i sacchetti di pop corn, donandoli a tutti i bambini e ragazzi.

Conclude così il vice sindaco Vuolo: “Le esperienze delle Miniolimpiadi, vissute nel rispetto delle regole e del fair play, portano e porteranno senz’altro all’apertura verso la cultura dello sport.
La partecipazione alle Miniolimpiadi, dislocate in più sedi e location, farà certamente vivere ai bambini e ai ragazzi luoghi che non sempre raggiungono, facendo sentire ancora più tutti parte di una comunità più grande”.