Continua senza sosta l’impegno del forum dei giovani di Striano.

L’organizzazione comunale, coordinata da Antonia Falco, ha presentato un progetto in regione per la realizzazione di un meeting che punta ad incrementare la consapevolezza di essere cittadini europei.

Attraverso il progetto si intende dare la possibilità ai giovani del territorio di confrontarsi tra di loro e di farlo con giovani di altre nazionalità: francesi, spagnoli e tedeschi.

Durante il meeting – scambio culturale, della durata di una giornata, i partecipanti presenteranno la propria nazione attraverso proiezioni di materiale multimediale (video, comunicazione visiva ecc.) e musica; e presenteranno l’idea del team riguardo l’UE e le sue politiche.

Ci saranno poi attività per stimolare la partecipazione alla vita politica attiva dei cittadini europei, facilitandone la cooperazione e la creazione di reti.

Si concluderà l’iniziativa con una grande festa per i giovani dei comuni coinvolti e delle nazioni coinvolte.

Il progetto è stato sviluppato dal forum dei giovani di Striano, in collaborazione con il forum dei giovani di Terzigno, l’associazione “In Equilibrio” di Poggiomarino, l’azione cattolica Paolo VI di Striano e l’associazione Esa (Erasmus students association) di Napoli.

Soddisfatta la coordinatrice Antonia Falco: “L’ammissione a finanziamento di questo progetto rappresenta un grande successo per il nostro territorio. Il tutto è frutto della volontà di migliorare e di migliorarsi che si manifesta nei giovani.

Attraverso questa iniziativa vogliamo dare la possibilità alle nuove generazioni di confrontarsi con giovani di altre nazionalità per crescere, arricchirsi e sentirsi più vicini all’Europa.

Sono estremamente soddisfatta anche della sinergia instaurata, già da qualche tempo, con tutte le associazioni amiche coinvolte”.

L’opportunità offerta ai giovani strianesi e non solo dona lustro all’intera cittadinanza. Striano, un comune piccolo, è riuscito a superare, in graduatoria, città più grandi e rinomate.

Raffaele Massa