Massa di Somma, Politiche Sociali, Esposito: “Pretendiamo maggiore trasparenza da parte dell’Ambito N24”

“Con il rinnovo dei sindaci di Cercola e Volla speriamo che si possa vivere una nuova stagione per la programmazione delle politiche sociali gestite al livello intercomunale"

865

Con l’ultima tornata elettorale per le elezioni ammnistrative dello scorso giugno di sono rinnovati i consigli comunali e i sindaci dei comuni di Cercola e Volla, i due comuni vesuviani più popolosi che ricadono nell’Ambito Sociale N24, ovvero la struttura tecnica intercomunale, a supporto della programmazione degli interventi e servizi sociali.

Dell’Ambito N24 fanno parte inoltre anche i comuni di Pollena Trocchia e di Massa di Somma ed e proprio da questo comune che arriva la richiesta di maggiore trasparenza da parte del consigliere comunale Salvatore Esposito, capogruppo di Movimento Cittadini per Massa di Somma.

“Con il rinnovo dei sindaci di Cercola e Volla speriamo che si possa vivere una nuova stagione per la programmazione delle politiche sociali gestite al livello intercomunale. Purtroppo fino ad oggi – ha dichiarato Esposito – l’Ambito N24 non ha certo brillato per trasparenza e anche per un consigliere comunale risulta molto difficile svolgere le proprie funzioni di controllo dell’attività svolta. La scarsa trasparenza risulta essere dannosa per i cittadini vesuviani per due motivi: è difficile sia per la rappresentanza politica locale controllare l’attività svolta e sia risulta un danno alla sana concorrenza tra i diversi attori privati interessati all’implementazione delle politiche dell’ambito. Purtroppo – ha concluso Esposito – negli ultimi anni dobbiamo registrare un vero e proprio duopolio interno all’Ambito N24 con le stesse cooperative a gestire i servizi più importanti per la cittadinanza. Maggiore trasparenza potrebbe permettere l’ingresso nel mercato di nuovi soggetti e una sana concorrenza per la proposta di servizi di maggiore qualità. Prossimamente infatti dovrebbero esserci bandi per la mediazione familiare, la gestione dei centri diurni e per il supporto ai servizi professionali”.