Napoli: Carabinieri arrestano 32enne. Ha aggredito la madre ultrasettantenne a calci e pugni

La donna in ospedale con fratture al volto. L'uomo, in cura per disturbi mentali che si era reso responsabile di lesioni personali volontarie e di maltrattamenti in famiglia nel corso dell'ultimo anno

335

I Carabinieri sono intervenuti d’urgenza in via San Giovanni Maggiore Pignatelli, nel centro storico, per segnalata presunta aggressione a una donna anziana.

Giunti sul posto -pattuglia mobile di zona della Compagnia Centro e colleghi del Reggimento Campania- hanno bloccato e tratto in arresto un 32enne del luogo incensurato e in cura per disturbi mentali che si era reso responsabile di lesioni personali volontarie e di maltrattamenti in famiglia ai danni della madre 75enne.

La donna, trovata riversa sul pavimento del salone, è stata fatta soccorrere da personale del 118 che l’ha trasportata in ospedale.

I Medici dell’Ospedale “Cardarelli” le hanno diagnosticato e prestato le prime cure per “traumi contusivi al volto con frattura al seno mascellare sinistro e contusioni multiple su tutto il corpo” giudicati guaribili in 30 giorni.

Nel corso di approfondimenti è emerso che il 32enne, convivente con la madre in una situazione di precarie condizioni igienico sanitarie, da circa un anno aveva cominciato a maltrattare la madre e che i maltrattamenti, un crescendo di frequenza e gravità, erano culminati nell’aggressione grave a calci e pugni.

Dopo le formalità di rito il 32enne è stato tradotto nella Casa Circondariale di Poggioreale.