Castellammare, bambino rischia di affogare in piscina: salvato da un maresciallo dei carabinieri

Giovanni Tito, maresciallo dei carabinieri e coordinatore della Lega a Castellammare, ha salvato il bambino

1558

Ha visto il bambino in difficoltà e subito si è gettato in acqua per salvarlo. Gesto eroico di un maresciallo dei carabinieri, Giovanni Tito di Castellammare di Stabia. L’episodio è avvenuto pochi giorni fa all’interno di una piscina stabiese. Momenti di paura per la famiglia: se non fosse stato per l’intervento tempestivo di Tito, probabilmente il bambino non ce l’avrebbe fatta. Insomma, l’uomo giusto al momento giusto.

Secondo quanto ricostruito, il bambino stava giocando a bordo piscina quando è scivolato ed è caduto nella parte più profonda della stessa. Non riuscendo a toccare il fondo con i piedi, e non sapendo nuotare in modo perfetto, è andato subito in difficoltà, ingoiando molta acqua. Nessuno dei presenti ha notato il tutto se non Tito che, dopo aver visto il bambino annegare, si è gettato in acqua per salvarlo. Dopo averlo tirato fuori, ha subito constatato le sue condizioni di salute prima di consegnarlo nelle mani della mamma.

Tanti complimenti per il coordinatore cittadino della Lega che si è trasformato in supereroe per un giorno. Un grande gesto di responsabilità che ha salvato il bambino. I genitori, ignari di quanto stesse succedendo, erano infatti sul lettino prendisole e solo dopo sono stati allarmati dalle grida dei presenti. Fortunatamente tutto è andato per il meglio grazie alla tempestività di Tito.