FP Cgil, CISL FP, UIL FPL: le forze sociali si compattano ad Ercolano

I sindacati hanno dichiarato pertanto lo stato di agitazione del personale convocando nel contempo l’assemblea dei lavoratori il prossimo 20 settembre

505

comune ercolanoFP Cgil, CISL FP, UIL FPL : le forze sociali si compattano all’interno dell’ Ente Comune di Ercolano per la mancanza ricezione da parte dei lavoratori del compenso spettante per la realizzazione della performance anno 2017. Chiara la stoccata al sindaco Ciro Buonajuto, che in prima persona si era impegnato per il pagamento delle Progressioni Economiche Orizzontali entro il mese di luglio e la liquidazione della performance entro la fine di agosto. L’amministrazione comunale avrebbe dunque colpevolmente e inspiegabilmente non ottemperato a tale impegno : i sindacati hanno dichiarato pertanto lo stato di agitazione del personale convocando nel contempo l’assemblea dei lavoratori il prossimo 20 settembre dalle ore 10 alle 13 per condividere le azioni di protesta consentite dalla legge , da porre in essere, finanche più giornate di sciopero.




Questo il contenuto di un documento firmato dai responsabili territoriali delle forze sociali, rispettivamente Davide Pastore, Giuseppe Manfredi e Mario Russo. Non è più tempo di chiacchiere e distintivo ne di promesse da marinaio : l’Ente è chiamato oggi a rispondere di palesi anomalie comportamentali che vedono il primo cittadino Ciro Buonajuto direttamente coinvolto. La Cgil attraverso il territoriale Davide Pastore , il coordinatore Rsu Giuseppe Coppola e il Segretario Struttura Aziendale Vincenzo Marinò ha tra l’altro denunciato come una sentenza emessa contro il Comune per atteggiamento antisindacale con conseguente annullamento degli atti relativi all’esternalizzazione dei servizi, tra cui quello della riscossione tributi attualmente gestita dalla società Andreani, resti ad oggi inapplicata.




Per non parlare del parcheggio di via Alveo: l’esternalizzazione dell’area parking comporterebbe solo un danno, sempre secondo la Cgil, alle casse comunali. Questi sono fatti non supposizioni : ci si augura che le istituzioni competenti facciano quanto prima piena luce sulla questione individuando, nel caso, responsabilità soggettive di chi dovrebbe almeno sulla carta tutelare gli interessi comunali e i diritti dei cittadini ercolanesi.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteSi preannuncia una ripresa faticosa e disagiata per gli avvocati del Foro di Santa Maria Capua Vetere
SuccessivoPompei, Villa dei Misteri: sfila il cellulare ad un turista canadese, arrestato 22enne
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.