Si preannuncia una ripresa faticosa e disagiata per gli avvocati del Foro di Santa Maria Capua Vetere

Inequivocabile l’impegno del Movimento Forense di S.M. C.V. e del Presidente Avv. Maria Conforti, professionista e risorsa umana insostituibile per la classe forense locale

1690

“Si preannuncia una ripresa faticosa e disagiata per gli Avvocati del Foro di S. Maria C.V. dopo la pausa estiva a causa delle inevitabili criticità che il trasferimento dell’intero contenzioso civile e penale dall’articolazione casertana alla sede centrale sammaritana comporterà; trasferimento che quasi certamente comporterà la paralisi delle attività processuali”. Esordisce così la nota toga dell’alto casertano Bice Salvatore in merito alle oggettive difficoltà che su più fronti investono il Tribunale di S. Maria C.V. “Si tratta di riorganizzare le sedi giudiziarie – ha precisato l’avvocato Salvatore – sotto il profilo dell’allocazione di risorse umane e materiali presso la Caserma M. Fiore di recente ristrutturazione nonché articolare ex novo lo svolgimento delle udienze.




Nella giornata di ieri il Presidente del Tribunale Dott.ssa Casella ha incontrato il Presidente del COA sammaritano nonché i Presidenti della Camera Civile e Penale ed all’esito dell’incontro lo scenario profilatosi è allarmante: quanto al penale proveniente da Caserta, lo stesso si svolgerà presso il Palazzo di Giustizia in Piazza della Resistenza ma nessuno stop subirà al momento il civile in quanto i tempi di consegna della nuova sede non sono certi e nel frattempo gli avvocati provenienti da Caserta si vedranno costretti a peregrinare tra una sede dove verranno sistemati alla meglio gli uffici di cancelleria ed altra sede dove si svolgeranno le udienze .Il COA sammaritano ha preannunciato parere negativo a tutto ciò richiedendo un incontro d’urgenza con il Capo di Gabinetto del Ministero di Giustizia; il Foro di S. Maria C.V. è già sfiancato dalla mole di disagi in cui quotidianamente opera, dalla carenza di trasporti, di parcheggi e di infrastrutture inadeguate. Solleva viva protesta al riguardo anche il Movimento Forense di S.Maria C.V.- di cui mi onoro di far parte – nella persona del Presidente Avv. Maria Conforti che si associa alla posizione del COA auspicando posizioni mirate alla maggiore tutela della dignità della professione forense.”




Inequivocabile l’impegno del Movimento Forense di S.M. C.V. e del Presidente Avv. Maria Conforti, professionista e risorsa umana insostituibile per la classe forense locale. In tal senso le dichiarazioni dell’avvocato Bice Salvatore si sposano perfettamente con l’azione messa in essere dalla collega Conforti : un binomio importante destinato a consolidarsi sotto l’egida della trasparenza operativa, della competenza specifica e delle spiccate doti aggregative sempre sfoggiate dalle 2 note toghe.

Alfonso Maria Liguori



Share
Condividi
PrecedenteDiagnosi e trattamento della neoplasie della mammella, al via il percorso diagnostico
SuccessivoFP Cgil, CISL FP, UIL FPL: le forze sociali si compattano ad Ercolano
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.