ANM: Esito negativo alla prima fase di conciliazione tra la Samir e la CUB Trasporti di Napoli

L’Organizzazione Sindacale già oggi provvederà ad inoltrare la richiesta di una seconda fase urgente al Prefetto di Napoli

327

Ancora una volta la società Samir fa finta di che tutto proceda per il verso giusto.

Nonostante sia ormai evidente che i motivi per l’applicazione della FIS siano inesistenti, che il famoso taglio paventato non esiste, la stessa continua a negare l’evidenza. Il comune di Napoli come al solito tace e latita invece di controllare, forse perché qualcosa non è in regola?

I lavoratori dell’indotto ANM sono costretti da anni a lottare per portare il pane a casa, e anche questa volta lo faranno.

La società Samir, tra l’altro, non intende nemmeno attivarsi urgentemente per risolvere le innumerevoli mancanze in materia di sicurezza sul lavoro presenti sui cantieri e rimanda tutto ad un futuro incerto, nella speranza che nessun lavoratore si faccia male, visto il grossissimo rischio a cui vengono sottoposti.

Per la nostra O.S. e vergognoso un comportamento simile, e nei prossimi giorni depositerà un dossier in procura con tutto quello che si sta verificando senza che nessuno muova nemmeno un dito.

Per tutto questo la nostra organizzazione sindacale deciderà nei prossimi giorni come procedere consultando i lavoratori in assemblea, lo sciopero si fa ormai indispensabile e necessario davanti alla negligenza e la miopia di aziende che intendono solo lucrare sulla pelle dei lavoratori.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano