“Diversi punti del programma sbandierato dal sindaco di Ercolano restano sulla carta”

"Non condivido – ha precisato l’avvocato Gargiulo – la politica adottata dal primo cittadino Buonajuto anche nella scelta di alcuni membri della giunta che avrebbero dovuto e dovrebbero essere ben più visibili e attivi sul territorio"

0
619

“ Diversi punti del programma sbandierato dal sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto, soprattutto in materia di tutela e preservazione ambientale restano ad oggi sulla carta : un lusso che un territorio come quello di Ercolano non può permettersi data la particolare struttura morfologica che lo contraddistingue” : attacco frontale al primo cittadino da parte dell’avvocato Loredana Gargiulo in qualità di coordinatrice dell’area vesuviana per il movimento “Sud Protagonista”. “ Non condivido – ha precisato l’avvocato Gargiulo – la politica adottata dal primo cittadino Buonajuto anche nella scelta di alcuni membri della giunta che avrebbero dovuto e dovrebbero essere ben più visibili e attivi sul territorio, soprattutto quando in possesso di deleghe legate alla tutela ambientale in un’oasi vesuviana che comprende ecosistemi unici al mondo essendo nel contempo considerata “zona rossa” per la natura vulcanica dei luoghi .




Nessuna polemica e attacco personale: noi del movimento “Sud Protagonista” ci prefiggiamo innanzitutto di valorizzare le immense risorse insite in comunità in cui non si può e non si deve mai abbassare la guardia nella salvaguardia dell’ambiente. La pulizia dei luoghi , la manutenzione degli alvei e dei sistemi fognari rappresentano le basi fondamentali di un processo rinnovativo che non deve essere solo frutto di sogni di gloria ad appannaggio di pochi eletti ma reale crescita di una città nel suo insieme, nessuna zona esclusa”. Forti i toni dell’avvocato Gargiulo che tiene però a sottolineare come amore per i luoghi, legalità e buon senso non debbano mai essere confusi con attacchi strumentali per ottenere magari benefici personali . “ Non mi interessa, almeno in questo frangente, sedere su alcuna poltrona all’interno del Palazzo di Città– ha continuato Gargiulo –. Amo vivere per la politica e non di : in nome di questo sacro santo principio faremo quanto in nostro potere perché l’amministrazione comunale si attivi per quanto meno arginare gravissime inefficienze che ancora penalizzano la quotidianità dei cittadini.




Un paese visitato ogni anno da migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo , affascinati dal sito archeologico e dalle meraviglie naturali che circondano il Vesuvio, deve innanzitutto offrire di se un’immagine pulita ed efficiente, conciliando tradizione e progresso in un unico mix vincente. Allora basta con i rancori personali, con le calunnie e le sterili polemiche : ogni ercolanese ,nel rispetto dei ruoli e delle competenze specifiche, faccia la sua parte per il bene comune confidando sempre nel supporto concreto e continuativo del governo locale”.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteAgerola, presentazione del nuovo libro di Erri De Luca
SuccessivoA Napoli il Biotech Day 2018: al Royal Continental il 12 e 13 ottobre
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.