Larga partecipazione per lo sciopero proclamato dai sindacati ad Ercolano

"Continueremo con le iniziative per affermare sempre più che l’applicazione del contratto è un diritto e non un favore elargito dalla politica per il consenso elettorale"

0
353

“ Lo sciopero proclamato dalle organizzazioni sindacali di categoria Cgil, Cisl ,Uil per la mancata applicazione contrattuale negata per 3 anni, ha visto ad Ercolano una larga partecipazione dei lavoratori , nonostante che i giornali asserviti alla politica dicano il contrario. Su un organico di 260 lavoratori circa, oltre 130 dipendenti hanno aderito allo sciopero. Le dichiarazioni fatte su un quotidiano, da parte degli amministratori, già da tempo impegnati per la propria campagna elettorale , dimostrano il disprezzo nei confronti di chi rivendica la dignità del lavoro.




Continueremo con le iniziative per affermare sempre più che l’applicazione del contratto è un diritto e non un favore elargito dalla politica per il consenso elettorale. Il contratto è un diritto del lavoratore non uno strumento per un voto di scambio”. Questa la nota ufficiale diramata da Davide Pastore, FP Cgil Territoriale. Gravissime le denunce presentate dalla Cgil che aveva inequivocabilmente evidenziato come una sentenza emessa contro il Comune per atteggiamento antisindacale con conseguente annullamento degli atti relativi all’esternalizzazione dei servizi, tra cui quello della riscossione tributi attualmente gestita dalla società Andreani, resti ad oggi inapplicata. Per non parlare del parcheggio di via Alveo: l’esternalizzazione dell’area parking comporterebbe solo un danno, sempre secondo la Cgil, alle casse comunali.




Sempre la Cgil aveva inoltre denunciato due palesi incompatibilità all’interno dello stesso Ente. La forza sociale nello specifico aveva evidenziato nelle sedi opportune come il Comandante della Polizia Locale dott. Francesco Zenti ,ricoprendo nel contempo il ruolo di dirigente degli Affari Generali , divenga controllore di se stesso. Sempre la Cgil aveva inoltre rimarcato ufficialmente come il Segretario Generale dell’Ente dott. Ferdinando Guarracino , essendo responsabile della trasparenza e dell’anticorruzione , quindi preposto al controllo degli atti degli altri dirigenti , ricoprendo il ruolo di dirigente all’Avvocatura divenga a sua volta supervisore di se stesso.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteSant’Anastasia: rassegna ‘A cinema per il sociale’
SuccessivoPer il terzo anno si presenta la Festa dello sport a Gragnano
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.