Ercolano: “La macchina comunale è ormai in vistoso affanno”

Forte e cortese al tempo stesso l’avvocato Loredana Gargiulo tiene poi a precisare come non si intenda attaccare alcun membro del governo locale

722

“ La macchina comunale è ormai in vistoso affanno” : esordisce così a Ercolano l’avvocato Loredana Gargiulo, coordinatrice dell’area vesuviana per il movimento “Sud Protagonista”, in merito alle difficoltà oggettive delle rispettive sezioni penalizzate da carenze di organico rilevanti e inadeguati supporti logistici. “ In qualità di cittadina ercolanese – ha precisato Gargiulo – non posso che prendere atto con tristezza di un andazzo che penalizza non solo i cittadini ercolanesi ma gli stessi operatori dell’ Ente. Eppure in campagna elettorale uno dei punti di forza dell’avvocato Ciro Buonajuto, attuale sindaco di Ercolano, era proprio quello di migliorare l’efficienza della macchina comunale garantendo nel contempo la massima trasparenza operativa che avrebbe fatto del Comune un “palazzo di vetro”.




Sulla scia di tale affermazione sempre Buonajuto aveva preannunciato un cambiamento radicale delle dirigenze che non è mai stato attuato dichiarando come “gli incarichi sarebbero stati dati a chi conosce qualcosa e non a chi conosce qualcuno”. Segnali che facevano pensare inequivocabilmente ad un rinnovamento strutturale dell’Ente : pensiero ad oggi rimasto purtroppo sulla carta”. Forte e cortese al tempo stesso l’avvocato Loredana Gargiulo tiene poi a precisare come non si intenda attaccare alcun membro del governo locale per chi sa quali fini ma solo sottolineare la verità in nome di una libertà d’espressione che non deve mai essere messa in discussione : “ Sono fiera – ha continuato Gargiulo- di vivere in una Repubblica Democratica che consente ad ogni cittadino di esprimere le proprie opinioni nel rispetto della legalità e del buon senso.




Non riconosco come valido alcun confronto che non avvenga nelle sedi opportune e casso con energia qualsiasi polemica ad personam che miri a tutelare il singolo e non la comunità. Civiltà, educazione e rispetto per i ruoli devono essere alla base di qualsiasi confronto tra cittadini e amministrazione comunale : occorre perseguire sempre la verità evidenziando disfunzioni e anomalie che non possono e non devono macchiare l’immagine e la credibilità di Ercolano. Il tempo degli inciuci e dei chiacchiericci di palazzo è finito così come quello dei casati : la città necessita di interventi concreti per tutelare la quotidianità degli ercolanesi che anelano da tempo alla crescita qualitativa e unitaria del territorio”.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteIn uscita “Butterfly”, il docu-film su Irma Testa. La “prima” campana a Torre Annunziata
SuccessivoTorre del Greco, salta il consiglio comunale per mancanza del numero legale
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.