Il Popolo della Famiglia in udienza da Papa Francesco

Un professionista che non ha mai cercato clamori mediatici o protagonismi esasperati mostrando al contrario profonda umiltà

1112

pasquale oliviero ercolano 1Erano 60 anni che non accadeva. Bandiere e simboli sul sagrato di San Pietro per 70 dirigenti del Popolo della Famiglia ricevuti in udienza da Papa Francesco : Mario Adinolfi e i simboli del movimento sono stati affettuosamente salutati al termine del prezioso incontro da Sua Santità . “É un momento di grande emozione. – ha dichiarato Mario Adinolfi – Siamo l’unico partito che ha al centro del suo programma la Dottrina Sociale della Chiesa. Siamo sempre stati coerenti sui valori e siamo gli unici a credere nel sostegno alla natalità come l’unica vera rivoluzione per salvare il Paese. E soprattutto con fiducia e speranza abbiamo sempre dico sempre difeso il Papa”.




Nel pomeriggio nel Salone delle Carte geografiche a Roma oltre 300 delegati hanno assistito alla nomina dei 220 dirigenti nazionali che guideranno il partito per la raccolta delle firme per le Europee e per la legge sul Reddito di maternità. Per il nostro territorio sono stati confermati il Dott. Raffaele Adinolfi quale coordinatore Regionale, l’ Avv. Paolo Buonaiuto quale referente per Napoli e Provincia, l’ Avv. Marianna Puzo, il Dr. Giancarlo Marcocci e la Dott. Manuela Monaco per la zona di Napoli, il Dr. Giuseppe Demino ed il Cav. Pasquale Oliviero per la zona vesuviana. Tutte persone per bene e stimate che nella Fede e nella preservazione dei sani principi legati al concetto cristiano di famiglia hanno edificato le proprie esistenze.

Non è sfuggito il nome del prof. Pasquale Oliviero, Presidente Diocesano delle Unioni Cattoliche Operaie : un galantuomo , padre e marito esemplare , risorsa umana importante per il territorio vesuviano con particolare riferimento alla sua Ercolano. Un professionista che non ha mai cercato clamori mediatici o protagonismi esasperati mostrando al contrario profonda umiltà nel relazionarsi con il prossimo e profonda venerazione per il culto Mariano inteso nell’accezione più alta del termine.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteA favore dei diritti degli invalidi, un comune obiettivo: informare
SuccessivoVesuvio, due dirigenti Protezione Civile indagati per incendio colposo.
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.