Varato a Ercolano il Circolo del Popolo della Famiglia

"Avevo il desiderio di sentirmi rappresentato, come cattolico, da un movimento che, con il sorriso ed il rispetto di ogni persona, non si "addormentasse" sui valori fondamentali della società"

1074

Benedetto dall’incontro recentemente avuto con Sua Santità Papa Francesco ieri è stato varato a Ercolano il Circolo del Popolo della Famiglia, un movimento, guidato da Mario Adinolfi, che si prefigge di tutelare la vita che nasce, i giovani, i disabili, i poveri. L’unico partito che ha nel suo programma la Dottrina Sociale della Chiesa, la difesa dei più deboli. Dirigente nazionale e figura carismatica del Popolo della Famiglia il professore Pasquale Oliviero, Presidente Diocesano delle Unioni Cattoliche Operaie , che ha dichiarato con grande soddisfazione : “Avevo il desiderio di sentirmi rappresentato, come cattolico, da un movimento che, con il sorriso ed il rispetto di ogni persona, non si “addormentasse” sui valori fondamentali della società: la famiglia, il sostegno alla maternità, il rispetto della vita nascente, del dolore e della povertà. Oggi sono più sereno.




Siamo pronti ad Ercolano a raccogliere la sfida per la raccolta firme alle Europee e per la presentazione della Legge sul reddito di maternità, l’unica misura seria per dare slancio a questo Paese. Pensate che tra 30 anni perderemo oltre dieci milioni di persone. A quel punto chi pagherà le pensioni, i trattamenti sanitari. Ci sarà ancora un welfare per i poveri ed i bisognosi? Ecco perchè l’unico vero sostegno è il reddito di maternità: 1000 euro al mese alle mamme”. Pacato ma determinato al tempo stesso il professore Pasquale Oliviero , galantuomo e padre di famiglia, ha così voluto rimarcare la fondatezza di un progetto che guarda con profonda riflessione al domani di una società che non può e non deve penalizzare i meno fortunati ne ledere i principi solidi alla base della famiglia, nell’accezione cristiana del termine.




“ Costa cinque volte di meno – ha continuato Oliviero – del reddito di cittadinanza e vale molto, ma molto di più. Voglio personalmente ringraziare tutti i componenti del Popolo della Famiglia di Ercolano, che fin dalle scorse politiche hanno contribuito con il loro impegno e la loro serietà a porre le basi per ciò che è avvenuto. Sono esponenti preziosi del laicato cattolico e della società civile di Ercolano: Francesco Ambrosio, esperto ed operante nel settore sanitario , Ciro Pane, coraggioso testimone dei valori , l’ufficiale Aniello Iacomino, persona rigorosa ed onesta, Andrea Formicola responsabile di un CAF e quindi sempre vicino alle difficoltà della gente. Come poi non menzionare Sonia Ruggiero e Angelina Tudisco, “mamme” del Popolo della Famiglia di Ercolano. Un plauso all’avvocato Paolo Buonaiuto, dirigente nazionale e referente per l’area provinciale, per la stima, la pazienza ed il lavoro certosino che ha condotto in questi mesi. Per me è anche il momento di esprimere con fierezza la mia interlocuzione alla Chiesa che mi onoro di servire nella più grande libertà. Con umiltà mi sento però in dovere di lanciare un messaggio fraterno alla Gerarchia, ai Parroci, ai Sacerdoti, alle Suore ed al laicato tutto: questa è la vostra casa in politica. Non dimenticatelo. Qui si difendono le radici della vostra identità”.

Alfonso Maria Liguori



Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteSorrento:”Comunicare il cinema e i beni culturali”
SuccessivoTorre Annunziata: doveva stare ai domiciliari invece andava in giro sullo scooter
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.