Gran Carnevale di Maiori, svelati i quattro bozzetti dei carri allegorici

La 46esima edizione vedrà la sfilata dei carri dal 23 febbraio al 10 marzo 2019

277

Gran Carnavale di Maiori fase due. Dopo l’annuncio del tema e delle date dell’edizione 2019, in programma dal 23 febbraio al 10 marzo, ecco pronti i bozzetti dei carri allegorici che sfileranno in quattro giornate tra via Vecchia Chiunzi e il Lungomare.

Sebbene manchino quasi 120 giorni all’evento, anche quest’anno la macchina organizzativa sta seguendo un collaudato cronoprogramma che porterà a breve alla definizione anche del palinsesto completo della manifestazione organizzata dal Comune e finanziata dalla Regione Campania attraverso i fondi Poc 2014-2020.

Quattro saranno i carri allegorici in gara realizzati intorno al tema della nuova edizione: “Civiltà e periodi storici”, la cui scelta intende celebrare l’anno europeo del turismo «slow». Un filo conduttore, intrigante e suggestivo che ha subito risvegliando la fantasia dai maestri della cartapesta che tra qualche giorno saranno già a lavoro per materializzare le idee progettuali.

«L’India» rivisitata in chiave allegorica dal gruppo I Monelli esprimerà una metafora della modernità tra Ganesha, simbolo della cultura tradizionale, e una sacerdotessa danzatrice che volteggia tra tradizione e progresso cercando, con un occhio al passato ed uno al futuro, di trovare il giusto karma.

Il gruppo de «I Nuovi Pazzi» punterà sull’Antico Egitto e la dinastia dei grandi faraoni come grande esempio non solo di civiltà. Ma soprattutto la straordinaria tecnica di realizzazione delle gigantesche opere che hanno resistito alle calamità e alle insidie del tempo. Un esempio per i tempi d’oggi in cui bastano poche gocce d’acqua per portare distruzione e morte. «Forse è ora di abbandonare il culto del Dio Anubi, protettore della nostra morte intellettuale che ci tiene bloccati in questo limbo di rassegnazione – scrivono nella spiegazione del loro bozzetto – È’ ora di stracciare le bende che ci mummificano e tornare a credere nelle nostre capacità. Non saremo certo degli Dei ma non siamo nemmeno dei fessi».

Il terzo carro allegorico in competizione è quello dell’associazione A.D.S. che proporrà una rappresentazione della civiltà cinese. «Libretto Rosso» è il titolo dell’opera ispirata alla caduta dell’imperialismo e alla nascita del partito comunista, all’invasione del Tibet e alla repressione del popolo cinese. Le figure scenografiche rappresentano la fuga del Dalai Lama rincorso da un dragone rosso, che sta a raffigurare la potenza distruttrice dell’essere umano, guidato dal padre della Repubblica Cinese, Mao Zedong, intento a cambiare la storia millenaria della civiltà cinese, con il suo manuale denominato appunto “Libretto Rosso”.

Allegria sfrenata, musica tribale, danza e poesia contamineranno infine il carro allegorico dell’Associazione Invisibili/Alcastar che ha scelto di puntare per il Carnevale 2019 sulla cultura azteca. «Aztecas» è infatti il titolo dell’idea progettuale in cui spicca un serpente piumato che apre le ali e l’imperatore Montezuma che con sguardo fiero indica la giusta direzione.

Anche quest’anno, la 46esima edizione del Gran Carnevale di Maiori si preannuncia spettacolare. E non è una novità se si considerano i grandi successi ottenuti dall’evento maiorese riconosciuto dal Mibact tra i promotori della cultura e del patrimonio immateriale.