Blitz nel napoletano dei carabinieri di Castellammare, sgominata maxi-banda di spaccio: 7 arresti

L'indagine è terminata alla fine di aprile del 2018 e ha portato all'arresto di ben 7 persone

555

Questa mattina, in Casola di Napoli (Na), Lettere (Na), San Rufo (Sa) e Torre Annunziata (Na), i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castellammare di Stabia (Na), collaborati da quelli territorialmente competenti, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misura cautelare (2 in carcere, 3 agli arresti domiciliari, 2 divieti di dimora nel territorio metropolitana di Napoli), emessa dal GIP di Torre Annunziata, su richiesta della Procura di Torre Annunziata, nei confronti di 7 indagati (tutti pregiudicati, 4 attualmente sottoposti agli arresti domiciliari) ritenuti responsabili, a vario titolo, di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione e porto di armi.

L’indagine, diretta dalla Procura e svolta tra la seconda metà di ottobre 2017 e la fine di aprile 2018 dai citati militari stabiesi, ha consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti di tutti gli indagati in ordine alla detenzione ed alla cessione di stupefacenti del tipo cocaina e marijuana; ascrivere precise responsabilità in capo a tutti i predetti, alcuni quali membri di una “piazza di spaccio“ ubicata in Casola di Napoli e altri quali rifornitori di “pushers” di Torre Annunziata. San Rufo (Sa) e Teggiano (Sa).

Inoltre è stato possibile appurare che i 2 indagati di Lettere avessero individuato in San Rufo e Teggiano, alcuni spacciatori cui fornire cocaina e marijuana che, in loco, ne curavano le cessioni agli assuntori; accertare che 4 di essi, in 2 diverse occasioni, hanno detenuto e portato armi; documentare l4 cessioni di quantità variabile tra 20 g e l kg di marijuana e fino a 60 g cocaina.
Al termine delle operazioni sono stati sequestrati complessivamente 70 gr di marijuana, 62 gr di cocaina, 45 gr di polvere pirica, nonche’ 260 cartucce da fucile (vario calibro) e componenti (bossoli e palle) per il confezionamento delle stesse.

Nel corso dell’attività investigativa, in Atena Lucana (Sa) e Casola di Napoli, sono stati effettuati complessivamente 3 arresti in flagranza per detenzione ai fini di spaccio delle medesime sostanze. Le perquisizioni domiciliari effettuate contestualmente alla esecuzione della misura, hanno consentito di rinvenire e sequestrare circa 42.000 euro nell’abitazione di un indagato poiché ritenute provento di attività illecita e di denunciare 3 degli attuali indagati alle competenti autorità giudiziarie per detenzione ai fini di spaccio (poiche’ trovati in possesso rispettivamente di marijuana).

Due dei soggetti colpiti dal provvedimento odierno sono stati associati presso la Casa Circondariale di Napoli – Poggioreale; 3 sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, mentre ai rimanenti 2 è stato notificato il divieto di dimora nell’area della Città Metropolitana di Napoli.