Giornalai: certificati e info da chiedere in edicola anche a Napoli

Palmieri: “imitiamo le best practice di Firenze"

0
226

“La crisi della carta stampata si è abbattuta sulle edicole di tutto il territorio nazionale, ma qui al Sud e a Napoli, dove notoriamente si legge di meno, il problema si è fatto sentire in maniera più acuta. Per porre un argine alle difficoltà economiche dei giornalai, costretti progressivamente a chiudere o a cambiare pelle trasformandosi in bazar, trovo molto interessante la strategia messa in campo dal Comune di Firenze che ha dato ai giornalai la possibilità di offrire servizi di certificazione anagrafica in cambio della riduzione del 70% del canone di occupazione di suolo pubblico”. Lo scrive in una nota il consigliere del Comune di Napoli, Domenico Palmieri, presidente della commissione Trasparenza.

“Da un primo contatto avuto con il segretario provinciale del Sinagi Slc-Cgil, Aldo Esposito, ho registrato un interesse per l’iniziativa. Ho deciso, pertanto, di farmi promotore di un tavolo tecnico-istituzionale con il Comune di Napoli, nella persona del vicesindaco Enrico Panini, per capire tempi e modi per ragionare sull’esperienza fiorentina ed eventualmente replicarla nella nostra città”, aggiunge Palmieri.

“In questa iniziativa – conclude Palmieri – penso possa essere utile coinvolgere anche il nuovo presidente della Camera di Commercio di Napoli, Ciro Fiola, perché, alla luce della presenza crescente dei flussi turistici in città, anche l’ente camerale possa dare il proprio contributo per aiutare un settore in evidente crisi, magari affidando loro anche le funzioni di info-point”.