Viscovo: “Volla è diventata una discarica a cielo aperto” – VIDEO –

L'ex sindaco attacca: “Ci rendiamo conto che non tutti sono risoluti, non tutti hanno il coraggio di assumersi le responsabilità; ma chi si candida ad essere leader non può continuare a vestirsi da Pilato"

942

Da più di un mese a Volla è scaduto l’appalto per la raccolta rifiuti degli ingombranti. Ciò ha arrecato disagi ai cittadini che sono impossibilitati a smaltire rifiuti come vecchi mobili, reti e materassi che prima la Ditta Langella raccoglieva su chiamata diretta dell’utente.

Tutto ciò, come denunciato con un video da Andrea Viscovo sui social, ha comportato che i cittadini, non sapendo cosa fare, hanno cominciato ad abbandonarli sui marciapiedi e per le strade della città.

L’ex Sindaco afferma “Volla è diventata una discarica a cielo aperto” e attribuisce tutto ciò “all’incapacità dell’amministrazione che non è riuscita a rinnovare, nei tempi giusti, la gara per la raccolta di queste componenti”.

Nello stesso tempo “per non apparire solo sterile oppositore” l’ex Sindaco prova a suggerire all’ amministrazione una soluzione concreta.

“Ci sono ben due strade – dichiara Viscovo – la prima potrebbe essere un’ordinanza sindacale. Infatti, vista la situazione di emergenza ed il pericolo per l’igiene dei cittadini, il primo cittadino ha il potere di ordinare immediatamente la raccolta di detti rifiuti ai sensi dell’art. 50 del D. Lgs. n. 267/2000. Ove manchi questo coraggio si potrebbe, in attesa della nuova gara, richiedere agli Uffici, attraverso un apposito indirizzo politico, di procedere ad un affidamento diretto e sotto soglia, stante la particolare contigenza”.
Raramente si assiste in politica a suggerimenti concreti e risolutivi da parte dell’opposizione, non mancano però critiche dure da parte di Viscovo che, accusa l’amministrazione di mancare di raziocinio e risolutezza.

“Ci rendiamo conto – continua infatti l’avvocato – che non tutti sono risoluti, non tutti hanno il coraggio di assumersi le responsabilità; ma chi si candida ad essere leader non può continuare a vestirsi da Pilato e, prima o poi, deve rispondere concretamente alle esigenze della città mettendoci la faccia e dimostrando di avere le tanto decantate capacità”.

Sta di fatto che il disagio ora sta diventando enorme e, a fronte di tale situazione, nel breve periodo sarebbero necessari maggiori controlli e sanzioni per gli incivili che continuano a sversare per strada ma, a quanto dichiara Viscovo, sembra che “la Politica cittadina sonnecchi”.

Filippo Raiola

Share