Il Popolo della Famiglia circolo di Ercolano pronto a scendere in piazza per la raccolta firme a supporto del reddito di maternità

Correttamente una delegazione del popolo della Famiglia circolo di Ercolano, guidata dal Presidente professor Pasquale Oliviero, si è recata in visita ufficiale dal primo cittadino Ciro Buonajuto palesando a mezzo documento scritto le finalità da perseguire e la convinzione di poter sempre contare sulla sensibilità delle massime cariche dell’amministrazione comunale.

0
533

Il Popolo della Famiglia circolo di Ercolano è pronto a scendere in piazza per la raccolta firme a supporto del reddito di maternità, ovvero un sussidio di 1000 euro al mese per 8 anni alle madri che si occupano in via esclusiva dei figli. Un movimento, guidato da Mario Adinolfi, che si prefigge di tutelare la vita che nasce, i giovani, i disabili, i poveri. L’unico partito che ha nel suo programma la Dottrina Sociale della Chiesa, la difesa dei più deboli.Correttamente una delegazione del popolo della Famiglia circolo di Ercolano, guidata dal Presidente professor Pasquale Oliviero, si è recata in visita ufficiale dal primo cittadino Ciro Buonajuto palesando a mezzo documento scritto le finalità da perseguire e la convinzione di poter sempre contare sulla sensibilità delle massime cariche dell’amministrazione comunale.

“ Prende consistenza – ha commentato il professor Pasquale Oliviero, già Presidente Diocesano delle Unioni Cattoliche Operaie – l’operatività di un movimento che pone in primo piano i valori fondamentali della società: la famiglia, il sostegno alla maternità, il rispetto della vita nascente, del dolore e della povertà. A Ercolano partirà a breve la raccolta firme per la presentazione della Legge sul reddito di maternità, l’unica misura seria per dare slancio a questo Paese. Come avevo già sottolineato nell’arco di un trentennio perderemo oltre dieci milioni di persone. Un dato allarmante se ci si interroga su chi a quel punto pagherà le pensioni, i trattamenti sanitari e soprattutto se potrà ancora esistere un welfare per i poveri ed i bisognosi. Ecco la fondatezza di un sostegno quale il reddito di maternità: 1000 euro al mese alle mamme.

Un beneficio che , tengo a sottolineare, costa 5 volte di meno del reddito di cittadinanza e vale molto di più”. Galantuomo e padre di famiglia il professore Oliviero sta dando prova di buon senso nel rapporto con le istituzioni e di trasparenza operativa indispensabile a fugare qualsiasi insinuazione di alleanze o accordi sottobanco con chi che sia. Il Popolo della Famiglia circolo di Ercolano è pronto al rispettoso e costruttivo dialogo con tutti sotto l’egida della legalità, del rispetto reciproco e soprattutto dei valori morali che animano lo stesso movimento. Una precisazione importante che cassa qualsiasi tipo di strumentalizzazione che tenti di offuscare l’operato di chi crede profondamente nei valori della famiglia, nell’accezione più cristiana del termine.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteTraffico di droga da Spagna, Olanda e Germania. 24 arresti
SuccessivoTorre Annunziata: REI, avvio procedure selezione di personale
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.